Violenza
Violenza

Napoli, 23 giugno 2021 – Una ragazza di 18 anni ha denunciato alla polizia di essere stata vittima di una violenza sessuale in un parcheggio pubblico di Torre del Greco, nel Napoletano. Sul caso stanno ora indagando i poliziotti del commissariato locale, guidati dalla prima dirigente Antonietta Andria e coordinati dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.

La denuncia della 18enne: “Violentata in un parcheggio”

Il presunto stupratore – riporta il quotidiano Metropolis – sarebbe un 24enne del posto, che la giovane ha conosciuto sui social e con il quale ha poi deciso di trascorrere una serata in compagnia, che si è però trasformata in un incubo. Del quale la vittima ha saputo fornire un racconto dettagliato, messo nero su bianco nella querela presentata in commissariato.

Secondo quanto riferito agli agenti, la ragazza aveva concordato con il 24enne di recarsi, a bordo dell’automobile di quest’ultimo, in via Litoranea, ma poi lui avrebbe svoltato verso l’area di sosta della Santissima Trinità, in via Circumvallazione, costringendo la vittima, nel frattempo privata del cellulare, a subire degli abusi.

Sequestrata l’auto al presunto stupratore 24enne

La 18enne ha poi messo a verbale di essere scoppiata a piangere, convincendo così il suo presunto aguzzino a fermarsi, a ripartire con l’auto e recarsi fino alla rotonda del casello autostradale di Torre del Greco, dove è stata fatta scendere. A convincerla a parlare con i suoi genitori, che l’hanno poi accompagnata in commissariato, sarebbe stata una cugina, la quale avrebbe notato delle ferite sul suo corpo.

Intanto, la polizia sta svolgendo tutti gli accertamenti per cercare dei riscontri al racconto della vittima. Gli agenti hanno già acquisito gli incartamenti prodotti dai sanitari dell’ospedale Maresca, dove la giovane è stata trattenuta per una notte in stato di shock. Inoltre, hanno sequestrato il mezzo del presunto stupratore 24enne, una Fiat 500, e gli sono stati prelevati dei reperti salivari da analizzare. L’uomo resta a piede libero.

Il sindaco Palomba: “Episodio aberrante e inaccettabile”

La notizia ha ovviamente scosso l’intera comunità, a partire dal sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba, che ha definito l’accaduto “aberrante e inaccettabile”. “Un episodio dalla violenza inaudita – ha detto il primo cittadino – perpetrato ai danni di una giovanissima donna della nostra città, alla quale rivolgo la piena solidarietà e la mia personale vicinanza”.

Palomba ha parlato di “una storia di violenza insolita al nostro territorio che, tuttavia, deve far riflettere tutti, soprattutto quanti hanno responsabilità pubbliche. Sono ancora più determinato e convinto, alla luce di quanto accaduto nell'area parcheggio della Santissima Trinità, che tali aree libere debbano essere monitorate, regolamentate e sorvegliate”.

Infine, il sindaco del comune vesuviano ha concluso: “Sono largamente fiducioso nel lavoro delle forze dell'ordine e resto pienamente disponibile per qualunque azione di parte si possa avere la necessità di porre in essere a nome dell'ente”.