Napoli, stupro di gruppo su due trans ai Quartieri Spagnoli, riconosciuti i 5 ragazzi: Comune e Arcigay si costituiscono contro il branco

Le due vittime della violenza hanno incontrato il sindaco Manfredi che ha confermato l’impegno della città per fare giustizia sull'accaduto

Manifestazione contro la violenza di genere (foto d'archivio)
Manifestazione contro la violenza di genere (foto d'archivio)

Napoli, 17 gennaio 2024 – Sono stati riconosciuti dalle forze dell’ordine anche i quattro dei cinque ragazzi del branco fuggiti dopo che, la notte del 12 gennaio, hanno stuprato e rapinato in un appartamento nei Quartieri Spagnoli due turiste transgender. Una violenza denunciata dall’Arcigay di Napoli e su cui oggi è stato annunciato che anche il Comune si costituirà parte civile nell'eventuale processo a carico degli autori dell'aggressione di gruppo. Posizione che sarà esercitata anche da Antinoo Arcigay Napoli. "All'indomani della proficua interlocuzione avvenuta nella giornata di lunedì 15 con i vertici della Questura centrale di Napoli - si legge in una nota di Arcigay - relativamente all'episodio di violenza e stupro che ha interessato, anche il primo cittadino della città, Gaetano Manfredi, ha voluto incontrare le ragazze vittime del branco”.

Approfondisci:

Stupro di gruppo su una giovane trans in vacanza a Napoli. Arrestato un 28enne, ricercati i quattro complici

Stupro di gruppo su una giovane trans in vacanza a Napoli. Arrestato un 28enne, ricercati i quattro complici

L’incontro con il sindaco Manfredi

Così, le due giovani, accompagnate da Antonello Sannino e Daniela Lourdes Falanga per Antinoo Arcigay Napoli e da Claudia Cavallo, in rappresentanza dell'Associazione Trans Napoli (Atn), sono state ricevute dall'assessore alle Pari Opportunità, Emanuela Ferrante e dal sindaco Gaetano Manfredi. Quest'ultimo - si spiega - dopo aver espresso alle ragazze vicinanza e solidarietà, scusandosi a nome della Città di Napoli per l'episodio, ha annunciato l'impegno del Comune in un eventuale giudizio. Le ragazze, che hanno confermato di aver percepito, oltre alla vicinanza delle associazioni e delle Istituzioni, anche quella degli abitanti del quartiere, nonostante la traumatica vicenda vissuta, hanno affermato che “le vere scuse saranno però pienamente recepite solo nel momento in cui sarà fatta puntuale e doverosa giustizia sull'accaduto”.

Riconosciuti i 5 ragazzi del branco

“È necessario sottolineare - prosegue la nota - che, grazie al coraggio delle due ragazze e al tempestivo intervento delle forze dell'ordine, un membro del branco di 28 anni è in stato di fermo, mentre gli altri quattro che avrebbero partecipato all'aggressione sarebbero già stati riconosciuti, risultando anche noti agli agenti di pubblica sicurezza". Le ragazze, infine, sono state ospitate nella Casa delle culture e dell'accoglienza delle persone Lgbtqi+ di Napoli, progetto voluto dal Comune di Napoli e gestito dalle associazioni Lgbt del territorio e da Antinoo Arcigay Napoli.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui