Giovedì 13 Giugno 2024

Napoli, evade dai domiciliari per sparare contro l’ex compagna ma colpisce per errore una 20enne: arrestato

L’uomo è sospettato di appartenere al clan camorrista dei Caldarelli: è accusato di vari reati aggravati dal metodo mafioso

Arresto della polizia (foto d'archivio)

Arresto della polizia (foto d'archivio)

Napoli, 10 novembre 2023 – Anche se era agli arresti domiciliari, con tanto di braccialetto elettronico, è andato a casa dell’ex compagna con una pistola ma, tentando di sparare contro di lei, ha colpito invece una ragazza di 20 anni presente nell’abitazione. È stato arrestato per il ferimento della giovane, oltre che per evasione e altri reati aggravati dal metodo mafioso, L. C. sospettato da tempo di appartenere al clan camorrista dei Caldarelli del rione Case Nuove di Napoli, ritenuto una costola del più potente clan Mazzarella. 

L’indagine dell’antimafia

É partita dalla lite con l’ex compagna avvenuta lo scorso 5 ottobre, che lo ha portato ad evadere dai domiciliari e poi ferire per errore con un colpo di pistola una 20enne in un appartamento in via Gianturco, l’indagine dei poliziotti della Squadra Mobile di Napoli, coordinati dalla Dda, che ha portato all’arresto dell’uomo sospettato di far parte di clan della camorra. I poliziotti gli contestano i reati, aggravati dal metodo mafioso, di porto di arma comune da sparo, lesioni personali, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone ed evasione.

La ragazza di 20 anni colpita dallo sparo venne accompagnata da un conoscente nell'ospedale Villa Betania, nel quartiere Ponticelli, dove i sanitari ritennero non fosse in pericolo di vita. Gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Napoli durante la perquisizione nell'abitazione dell'arrestato hanno trovato una pistola: sono ora in corso accertamenti per stabilire se sia quella utilizzata per il raid a casa dell’ex compagna.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui