Venerdì 21 Giugno 2024

Omicidio Maurizio Cerrato, ucciso per un parcheggio davanti alla figlia: quattro condanne a 23 anni

Era il 19 aprile 2021 quando Cerrato fu accoltellato nell'area di un parcheggio. La famiglia: "Ci aspettavamo l'ergastolo"

Maurizio Cerrato abbracciato dalla figlia: l'uomo fu ucciso per un parcheggio nel 2021 a Torre Annunziata

Maurizio Cerrato abbracciato dalla figlia: l'uomo fu ucciso per un parcheggio nel 2021 a Torre Annunziata

Napoli, 5 aprile 2023 - Condannati a 23 anni di carcere i fratelli Giorgio e Domenico Scaramella, e Francesco e Antonio Cirillo, padre e figlio, per l'omicidio volontario di Maurizio Cerrato, il vigilante 61enne degli scavi di Pompei ucciso a Torre Annunziata (Napoli), davanti alla figlia, con una coltellata al cuore, la sera del 19 aprile 2021, dopo una lite per un parcheggio.

La sentenza della Corte di Assise di Napoli è stata emessa nell'aula 116 del Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli dalla seconda sezione penale (presieduta dalla giudice Concetta Cristiano) al termine di una camera di consiglio iniziata dopo la discussione di due avvocati del collegio difensivo composto da Antonio de Martino, Antonio Rocco Briganti, Antonio Iorio e Maria Montuoro. La famiglia Cerrato è stata invece difesa dall'avvocato Giovanni Verdoliva.

La Procura di Torre Annunziata, lo scorso 7 marzo, aveva chiesto l'ergastolo per i quattro imputati: a formulare le richieste è stato il sostituto procuratore Giuliana Moccia al termine di una lunga e circostanziata requisitoria durante la quale il magistrato ha ripercorso tutte le fasi di quella tragica sera. Presente, per la famiglia Cerrato, come in quasi tutte le udienze, la vedova e la figlia della vittima.

Pugnalato al cuore

Era il 19 aprile 2021 quando Maurizio Cerrato fu prima accerchiato e poi accoltellato all'interno di un'area di parcheggio di Torre Annunziata (Napoli). Maurizio, 61 anni, morirà poco dopo, tra le urla della figlia Maria Adriana e la quasi totale indifferenza di chi aveva assistito a quella aggressione (o come lo definì la stessa figlia 'agguato’), compiuta da quattro persone. Cerrato pagò con la vita la decisione della ragazza di parcheggiare la propria auto lungo la pubblica via, in un posto occupato da una sedia. Un 'diritto di prelazione’ cui la ragazza si era ribellata: aveva spostato la sedia e fermato regolarmente la vettura. Al ritorno però aveva trovato uno degli pneumatici bucato. Alle sue rimostranze era stato affrontata e schiaffeggiata. Per questo aveva deciso di contattare il padre, custode al parco archeologico di Pompei, che era giunto sul posto, aveva notato il clima pesante (tanto da essere costretto a venire alle mani con uno dei condannati, rompendogli gli occhiali, ma si era anche offerto di ricomprarli per riportare la calma), decidendo allora di andare in una vicina area di parcheggio privata per sistemare l'auto della figlia e tornare a casa. A casa però Cerrato non è mai arrivato: nel parcheggio fu affrontato da più persone, oggi la Corte d'assise ha stabilito quattro (Giorgio e Domenico Scaramella, Antonio e Francesco Cirillo), picchiato, nonostante il tentativo di intervento della ragazza, trattenuto e accoltellato al petto. Un fendente nella zona del cuore, fatale. Quando arrivò, trasportato d'urgenza, al pronto soccorso dell'ospedale di Castellammare di Stabia, per lui non c'era più nulla da fare.

La famiglia: "Ci aspettavamo l'ergastolo"

"La sentenza ci lascia un pizzico di delusione: ci aspettavamo l'ergastolo che peraltro era stato chiesto dalla Procura anche con argomentazioni convincenti". Così, l'avvocato Giovanni Verdoliva ha commentato la sentenza . "Siamo relativamente soddisfatti, invece, - ha aggiunto Verdoliva - in relazione al riconoscimento che l'omicidio di Maurizio Cerrato è avvenuto in concorso. Peraltro è emerso che le dichiarazioni di Maria Adriana, la figlia della vittima, già rese nell'immediatezza hanno trovato sostanzialmente il vaglio di attendibilità da parte della Corte. Ci sono state piccole imprecisioni ma tutto sommato la ricostruzione della dinamica dell'accaduto è stata sicuramente attendibile. Aspettiamo ora le motivazioni (che saranno depositati tra 60 giorni) per meglio comprendere come i giudici sono giunti a queste condanne".

Approfondisci:

Omicidio Cerrato: scarcerato uno dei 4 indagati, il sindaco: “No oltraggio ai familiari”