Venerdì 19 Aprile 2024

Don Patriciello, il prete anticamorra dopo la bomba davanti alla parrocchia: “A loro non piace chi denuncia gli scempi ad alta voce”

Il parroco di Caivano si complimenta con magistrati antimafia e carabinieri per l’indagine che ha portato ad arrestare chi a marzo 2022 ha fatto esplodere una bomba davanti alla chiesa

Caivano (Napoli), 15 febbraio 2025 – “A loro non piace” chi denuncia i loro “scempi” e l'oppressione della camorra sul territorio. Lo ha fatto "ad alta voce” don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano, il prete anticamorra che la criminalità organizzata ha cercato di intimorire facendo esplodere una bomba davanti al cancello della sua chiesa, nel marzo del 2022. Su quell’attentato don Patriciello è intervenuto in un’intervista diffusa oggi dopo la presentazione dei risultati di una indagine dei carabinieri, coordinata dalla Dda, che ha passato il vaglio di un giudice, e ha portato all’arresto di 11 persone.

Approfondisci:

Camorra, estorsioni e traffico di droga nel Napoletano. Il clan: bomba contro don Patriciello

Camorra, estorsioni e traffico di droga nel Napoletano. Il clan: bomba contro don Patriciello
Don Maurizio Patriciello, parroco anticamorra di Caivano (foto d'archivio)
Don Maurizio Patriciello, parroco anticamorra di Caivano (foto d'archivio)

Don Patriciello: “A loro non piace chi denuncia gli scempi ad alta voce”

“La bomba fatta esplodere due anni fa davanti alla mia parrocchia, - dice Patriciello - fu per me motivo di tristezza immensa. Sono solo un povero prete di periferia. Non ho mai toccato una pistola. Le mie armi sono il Vangelo e la preghiera. Non posseggo niente. Di che avevano paura queste persone che hanno scelto la via del male? In che cosa avrei potuto danneggiarli? I camorristi hanno bisogno del silenzio omertoso dei cittadini più del pane. Odiano la libertà. Tiranneggiano il nostro popolo. Lo vogliono condannare a morte. Ma non rinunciano all'ebbrezza di essere ipocritamente osannati e riveriti. Non vogliono bene a nessuno, nemmeno ai loro stessi figli, ai quali aprono le porte del carcere o del camposanto. Questi scempi vanno denunciati. Ad alta voce. L'ho fatto. A loro non piace. E arrivano le minacce".

“Vi perdono, ma vi chiedo di cambiare vita”

Don Maurizio rivolge i suoi complimenti ai carabinieri e ai magistrati antimafia ma "resta l'amaro in bocca” aggiunge, perché “queste creature che hanno scelto di angariare la gente e distruggere se stessi sono nostri fratelli. Saperli rinchiusi in carcere mi addolora. Per loro prego. Perché possono ritornare sulla retta via, guardare negli occhi i figli senza doversi vergognare. Mi avete costretto, fratelli camorristi, a vivere sotto scorta. Mi pesa. Non lo avrei mai pensato. Fa niente. Vi perdono. Vi abbraccio. Vi chiedo però di cambiare vita. Per il nostro bene. Per il vostro bene. Per il bene dei vostri figli. Vi benedico”, conclude il parroco di Caivano.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui