Flash mob di Legambiente in occasione delle elezioni comunali di Napoli
Flash mob di Legambiente in occasione delle elezioni comunali di Napoli

Napoli, 28 settembre 2021 - Due coalizioni elettorali con due candidati, una scheda e una matita gigante, una simulazione di un seggio elettorale per sollecitare le cittadine e i cittadini napoletani ad esprimere un "voto responsabile" del 3 e 4 ottobre. 
Questo il flashmob organizzato questa mattina, davanti al Municipio di Napoli, da Legambiente Campania con la presentazione di un manifesto elettorale dove sono rappresentate le priorità dalle quali partire per migliorare la qualità della vita dei cittadini non solo in termini di servizi e salute, ma anche per la creazione un'occupazione meno precaria e più sicura. 
'Andrea Inquina' è il candidato che esprime la coalizione dello status quo, delle storiche emergenze e contraddizioni della città, ma anche dei colpevoli ritardi. Il signor Inquina rappresenta "lo stallo di una raccolta differenziata mai decollata (pari al 36,2%) - denuncia Legambiente - e ferma al dato di 10 anni fa, l'abbandono delle aree verdi e l'incuria dei parchi (12 mq per abitante, ben al di sotto della media nazionale), l'emergenza sui continui sforamenti per quanto riguarda i pm10 e la qualità dell'aria (55 giorni lo scorso anno) legato anche al tema delle criticità sulla mobilità urbana (continui tagli al trasporto pubblico e una media di 58,9 auto per 100 abitanti). Il mare che per lunghi tratti è interdetto a causa delle mancate bonifiche di Bagnoli e Napoli Est e del deficit depurativo".
'Sara Eletta' è la candidata dell'altra coalizione che vede nei temi prioritari rappresentata da partiti immaginari l'idea di una Napoli "hub della transizione ecologica del Mezzogiorno" puntando su bonifiche, economia circolare e produzione di energia rinnovabile.


Legambiente Campania: "Serve un voto 'pulito'"

"Il nostro appello  - ha commentato Mariateresa Imparato, presidente di  Legambiente Campania - è rivolto ai cittadini napoletani che domenica e lunedì con il loro voto sceglieranno il sindaco e il Consiglio comunale che amministrerà Napoli nei prossimi cinque anni". "È tempo di informarsi, conoscere e scegliere, è tempo di un voto consapevole e responsabile. L'invito - prosegue Imparato - è a far valere il proprio voto "pulito" con una "selezione ecologica" che vada verso la scelta di candidati che abbiano nei programmi elettorali ben chiare le politiche necessarie ad affrontare le emergenze ambientali e che abbiano dimostrato nella loro vita impegno, sviluppato competenze e sensibilità per affrontarle".