Giovedì 13 Giugno 2024

Camorra, omicidio di Antonio Bottone. Assise ribalta sentenza: ergastolo al killer

Il 20enne venne ucciso da Enrico La Salvia, assolto in primo grado, con un colpo di pistola alla testa il 6 novembre 2016 perché si trovava vicino al vero obiettivo del raid, Daniele Pandolfi, rimasto ferito. La madre della vittima: "L'ho perdonato, abbraccerei sua mamma"

Corte d'Assise

Corte d'Assise

Napoli, 18 maggio 2023 – Ha ribaltato la sentenza di assoluzione, la Corte di Assise di Appello di Napoli che oggi ha condannato all'ergastolo Enrico La Salvia, ritenuto dalla Dda appartenente al clan Sequino del Rione Sanità di Napoli, accusato di avere ucciso Antonio Bottone, un ragazzo di appena 20 anni estraneo agli ambienti criminali, colpito a morte per errore durante un agguato scattato la sera del 6 novembre 2016, a Napoli, davanti a un pub.

La Salvia venne assolto, il 16 luglio del 2021, dal gup di Napoli Anna Tirone (17esima sezione) per non avere commesso il fatto. I giudici di secondo grado, invece, ora lo hanno ritenuto adesso pienamente colpevole.

Approfondisci:

Omicidio di Antonio Natale, in carcere Domenico Bervicato: voleva scappare

Omicidio di Antonio Natale, in carcere Domenico Bervicato: voleva scappare
Approfondisci:

Cold case, ucciso e sciolto nell'acido nel 2013 dai compari del clan

Cold case, ucciso e sciolto nell'acido nel 2013 dai compari del clan

Il vero obiettivo era Daniele Pandolfi

L'unica colpa di Antonio, raggiunto da un colpo di pistola calibro 7,65 alla testa, mentre teneva in braccio una bambina con la quale stava giocando, fu quella di essere amico del vero obiettivo dell'agguato, Daniele Pandolfi, ritenuto legato alla famiglia malavitosa dei Vastarella, rimasto ferito nel raid.

Pandolfi, successivamente diventato collaboratore di giustizia, rese dichiarazioni inizialmente classificate inaffidabili dal giudice. L'agguato scattato ai Colli Aminei, maturato nell'ambito di una faida tra i due clan, venne portato a termine malgrado davanti al negozio ci fossero anche dei bambini.

La mamma Patrizia: “Ho perdonato”

"Giustizia è fatta - ha commentato Luigi Bottone, padre della vittima - la mia sofferenza è stata ed è enorme. Sono passati sei anni dal giorno in cui mi si è aperta questa ferita, che non si rimarginerà mai per nessuna sentenza può restituirci Antonio".

"Io quel giovane che ha sparato l'ho perdonato", ha detto invece la madre di Antonio, Patrizia Polito, che aggiunge: "Vorrei abbracciare la madre di chi ha sparato: comprendo il suo dolore". Soddisfazione per la condanna è stata espressa anche dalle due sorelle di Antonio, Barbara e Vincenza. 

Approfondisci:

Napoli, ucciso per errore e sciolto nell'acido: i genitori rifiutano risarcimento dai killer

Napoli, ucciso per errore e sciolto nell'acido: i genitori rifiutano risarcimento dai killer