Domenica 14 Luglio 2024

Caivano, chat cancellate, foto e video: iniziate le analisi su dieci cellulari di tutti i ragazzi coinvolti

Due esperti informatici hanno 30 giorni di tempo per fornire i contenuti dei telefoni dei due maggiorenni e degli otto minori indagati per lo stupro delle due cuginette

Caivano (Napoli), 30 agosto 2023 – Cercano chat cancellate, fotografie e video nei cellulari dei ragazzi coinvolti nello stupro delle due cuginette di Caivano. Cercano ogni traccia utile, anche minima, per ricostruire con precisione quanto avvenuto nelle settimane scorse al Parco Verde. Gli esperti informatici hanno iniziato l’analisi dei telefoni sequestrati a tutti i 10 giovani indagati nelle violenze alle due ragazzine di Caivano, due maggiorenni e otto minorenni. 

Approfondisci:

La premier a Caivano. Cosa chiede il rione: "Qui servono vigili e assistenti sociali"

La premier a Caivano. Cosa chiede il rione: "Qui servono vigili e assistenti sociali"
Stupri a Caivano: iniziata l'analisi dei cellulari dei ragazzi indagati
Stupri a Caivano: iniziata l'analisi dei cellulari dei ragazzi indagati

Gli incarichi agli esperti informatici

La Procura di Napoli Nord ha conferito l'incarico all'esperto informatico Giuseppe Testa che si occuperà di analizzare i telefoni cellulari dei due maggiorenni di 18 e 19 anni indagati per gli abusi sulle due bambine di 10 e 12 anni. Lo stesso incarico, invece, è stato affidato al consulente scelto dalla Procura dei Minorenni di Napoli, Lorenzo Lautaro, che si dovrà occupare di passare al setaccio i cellulari sequestrati agli otto minorenni, di età compresa tra 14 e 17 anni, che sarebbero coinvolti nelle violenze sessuali avvenute al Parco Verde.

Approfondisci:

Stupro di Caivano: due maggiorenni indagati a piede libero

Stupro di Caivano: due maggiorenni indagati a piede libero

Trenta giorni per i risultati

I telefonini erano stati sequestrati nelle prime fasi delle indagini, subito dopo le denunce delle ragazzine abusate dal “branco”, a metà luglio. Il perito incaricato per i cellulari dei minori, così come quello nominato dalla procura ordinaria per i due maggiorenni, cercherà video e chat cancellate, ma presenti ancora in memoria. Trenta giorni assegnati dal gip per procedere alla copia forense dei cellulari e il deposito dei risultati.