Giovedì 18 Aprile 2024

Blocco televoto a Sanremo 2024, dalla Campania parte il ricorso: “Forse la classifica poteva essere ribaltata”

Il consigliere regionale Di Fenza presenterà un’istanza al Codacons: “Verosimile che siano andati persi dei voti”. Chiederà spiegazioni anche alla Commissione parlamentare di Vigilanza Rai

Napoli, 14 febbraio 2024 – Non si fermano le polemiche sul televoto, Sanremo 2024 verrà ricordato come il festival bipartisan tra le tifoserie della vincitrice Angelina e il secondo classificato Geolier, ieri premiato dal sindaco di Napoli per il suo rap partenopeo.

Dalla Campania si minacciano esposti, questa volta però al centro della protesta c’è il blocco del sistema che durante la finale ha mandato in crisi il televoto. “Afflusso record di voti”, aveva detto Amadeus in diretta per rispondere alle proteste dei fan e cantanti. Poi l’annuncio Rai: “Nessun voto andrà perso”.

Sanremo 2024: il podio: Geolier (2 posto), la vincitrice Angelina Mango e la terza classificata Annalisa
Sanremo 2024: il podio: Geolier (2 posto), la vincitrice Angelina Mango e la terza classificata Annalisa

Di Fenza: “Ricorso al Codacons”

Ma c’è qualcosa che non convince il consigliere regionale campano, Pasquale Di Fenza (Centro Democratico). “Ho dato mandato ai miei legali di elaborare e trasmettere un esposto al Codacons in merito alle problematiche che hanno interessato il televoto nella notte della finale di Sanremo”, annuncia oggi Di Fenza, deciso a fare chiarezza per capire se siano andati persi dei voti.

Caso è successo

“Al momento non ci sono notizie certe su cosa sia accaduto – continua il capogruppo di Centro Democratico, che in Regione riunisce le liste Azione, Per e Più Europa – e le anomalie sono state del tutto evidenti. Alcuni utenti hanno avuto la possibilità di trasmettere la propria preferenza, ricevendo il messaggio di conferma, altri non hanno avuto alcun riscontro. Tuttavia, senza il prelievo della quota di televoto, è verosimile pensare che quel voto non sia mai stato registrato”.

“Forse avrebbero potuto ribaltare la classifica”

Ufficialmente, Di Fenza non fa riferimento a quel 60% incassato da Geolier dal televoto – arrivato in gran parte proprio dalla Campania, ‘epicentro’ della tifoseria del rapper di Secondigliano  – ribaltato dalla ponderazione con il voto delle giurie di esperti, stampa e radio. Ma incalza: “È verosimile che quella corposa fetta di voti dispersi avrebbe potuto ribaltare la classifica e i relativi posizionamenti degli artisti”. Sotto testo: forse Geolier poteva vincere.

Tutelare i consumatori, i cittadini che si sono affezionati a questo festival e gli artisti in gara, devono essere le direttrici che deve perseguire la Rai. E noi, in qualità di rappresentanti delle istituzioni, non possiamo rimanere indifferenti dinanzi a quello che accaduto e alle sollecitazioni che stiamo ricevendo in queste ore, nelle quali ci chiedono di fare qualcosa. Siamo pronti a chiedere spiegazioni anche alla Commissione parlamentare Vigilanza Rai”, ha concluso il capogruppo campano.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui