Napoli, fermato 15enne alla guida di un’auto da 180 cavalli: a bordo altri 4 minori per “fare un giro” il sabato sera

Il gruppo di adolescenti di Arzano ha preso l’auto del padre di uno di loro per passare dai quartieri della movida partenopea

Napoli, 11 febbraio 2024 – Fermato un 15enne alla guida di un’auto da 180 cavalli. Una vettura del padre del minore, presa dal figlio per “fare un giro” il sabato sera assieme ad altri 4 amici, tutti tra i 15 e i 16 anni, da Arzano fino al centro di Napoli e passare dai quartieri della movida. Il fermo della vettura sportiva con a bordo il gruppo di adolescenti di Arzano è stata eseguito dai carabinieri nel corso dei controlli serali organizzati durante i fine settimana nelle zone del divertimenti dell’area partenopea. 

Controlli dei carabinieri a Napoli, nel riquadro una 500 Abarth
Controlli dei carabinieri a Napoli, nel riquadro una 500 Abarth

Il “giro” di 5 minori a bordo di un’auto da 180 cavalli

Una vettura da 180 cavalli, un 500 Abarth turbo benzina, che passa dal centro storico e dalle strade dei locali della movida subito notata dai carabinieri di Napoli. E a bordo dell’auto i militari trovano 5 ragazzi: 5 minorenni di età compresa tra i 15 e i 16 anni, compreso l’adolescente che è al volante. I ragazzi provengono da Arzano e sono in giro “per godersi la serata” incuranti delle regole e dei rischi. I carabinieri li hanno fermati e fatti scendere tentando di fargli comprendere la gravità del gesto, mentre dall’altra parte i militari riferiscono che i giovani sono rimasti in silenzio e con la paura di essere scoperti dai propri genitori. L’auto è del padre di uno di loro ignaro che il figlio l’avesse prese. La vettura è stata sequestrata mentre i ragazzini sono stati affidati ai rispettivi genitori.

I controlli della movida

L’auto con a bordo i ragazzini è uno degli episodi affrontato da carabinieri nel corso dei controlli della movida durante il sabato sera a Napoli dove hanno svolto una serie di servizi tra la zona universitaria e nei Quartieri Spagnoli. Nonostante la pioggia la vita notturna napoletana è stata molto attiva. Tanti i controlli sui giovanissimi addosso ai quali i militari hanno trovato numerose armi. Due ragazzi appena maggiorenni fermati a piazza San Domenico Maggiore e nelle tasche del primo c’era un taglierino lungo 20 centimetri mentre l’altro ragazzo aveva con sé un coltello a scatto. Analoga sorte anche per un 28enne che possedeva nel proprio taxi un manganello in legno. Sono stati tutti denunciati e le armi sequestrate.

Un coltello sequestrato dai carabinieri a un ragazzo a Napoli
Un coltello sequestrato dai carabinieri a un ragazzo a Napoli

Non si arresta il fenomeno dei parcheggiatori abusivi, anche provenienti da lontano. Denunciato un 44enne agrigentino trovato in via Cesare Battisti. Sanzionati i titolari di un locale di intrattenimento a Calata Trinità Maggiore per diffusione sonora nonostante gli fosse già stata revocata l’autorizzazione d’impatto acustico. Gli imprenditori dovranno anche pagare per aver installato dei tavolini sulle ringhiere comunali. Sanzioni anche per i proprietari di un locale a piazza del Gesù perché senza autorizzazione d’impatto acustico. Numerose anche le sanzioni per violazioni al codice della strada.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui