Lunedì 22 Aprile 2024

Paul Smith aprirà Pitti Uomo 106

L'11 giugno il grande evento

Paul Smith

Paul Smith

Firenze, 2 aprile 2024 – "Sarà una grande emozione aprire il prossimo Pitti Uomo, martedì 11 giugno, con il lancio della mia collezione uomo per la primavera / estate 2025. Sono stato tra i primi stilisti invitati a Pitti, nel 1993, e l'ho sempre ritenuta una meravigliosa opportunità per dare risalto ad alcuni dei capi più belli di abbigliamento maschile al mondo, in maniera molto concreta. Non vedo l'ora di presentare la mia collezione in una cornice più intima, e questo ritorno a Firenze mi sembra l'occasione giusta per farlo”. Parola di Paul Smith, lo stilista-sarto che ha saputo unire sartorialità e spirito rock, regole di eleganza britannica e humour, che ha deciso di prendere ancora una volta parte al salone per l’abbigliamento maschile, sfilò la prima volta in Leopolda nel 1993, che dall’11 al 14 giugno prossimo porterà a Firenze il meglio delle collezioni internazionali di moda maschile per l’estate 2025. 

Inglese di Nottingham, nato nel 1946 ma dall’aspetto sempre slanciato e giovanile, nelle sua lunga carriera Paul Smith ha vestito Tony Blair come tanti giovani studenti, star del rock e tradizionalisti in tartan, con una trasversalità senza uguali e una moda che poi negli anni ha contagiato anche con lo stesso spirito allegro e scanzonato anche l’abbigliamento donna e bambino, con incursioni felici nel design. Ama molto Firenze e la sua fiera per la moda maschile Sir Paul Smith che era a gennaio scorso anche al defilé del giovane, anche lui inglese, Steven Stokey Daley, eccentricamemete classico, “E’ ancora un, po’ acerbo, ma si farà!” ci aveva detto contento di aver visto l’inedito defilè di Steven, anche lui discepolo novello di Savile Row. Per questo ritorno di Paul Smith a Firenze si è molto impegnato l’amministratore delegato di Pitti Immagine, Raffaello Napoleone, per il quale lo stilista inglese "è un designer visionario, un creativo dalla curiosità senza fine, un inesauribile entusiasta, un gentleman dall’eleganza naturale, ambasciatore della creatività British, un amante della moda e un ciclista. E per noi - per me personalmente e per Pitti Immagine - è un grande amico. Il legame tra Sir Paul Smith e Pitti ci ha portato a realizzare tanti memorabili eventi in questi trent’anni: siamo onorati che un’altra tappa di questa incredibile corsa avrà il suo arrivo a Firenze, al prossimo Pitti”.