Venerdì 12 Aprile 2024

"Stereotipi nella Turandot"

Il Metropolitan di New York avverte sulle problematiche razziali della Turandot di Puccini, definendola un capolavoro emozionante ma controverso.

"Stereotipi nella Turandot"

"Stereotipi nella Turandot"

La Turandot paga dazio in Usa al ‘politically correct’. L’opera di Puccini è "un capolavoro emozionante ma problematico" e le sue "contraddizioni, distorsioni e i suoi stereotipi razziali" devono essere segnalati, mette in guardia il Metropolitan di New York, che in una nota di programma offre un avvertimento al pubblico dell’opera, in cartellone fino al 7 giugno. Dalla sua prima esibizione nel 1926, pochi mesi dopo la morte del compositore, la Turandot è diventata una delle più conosciute e popolari del XX secolo. Ma quasi cento anni dopo la prima, la percezione di questa opera sta cambiando, come si evince dalla nota di programma rivolta agli spettatori.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro