Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
31 gen 2022

Sanremo, ci siamo La prima polemica è a ritmo di rap

La gara partirà solo domani ma già volano stracci. Junior Cally accusa Highsnob: mi hai copiato il pezzo

31 gen 2022
andrea spinelli
Magazine
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)
I rapper Highsnob, 36 anni, e Junior Cally, 30, insieme nel video di Arkham (2017)

di Andrea Spinelli SANREMO (Imperia) Al Festival le polemiche non attendono certo il via della gara per divampare. E ieri ci ha pensato Junior Cally a rispettare la tradizione puntando il dito su Highsnob, reo, a suo dire, di essersi intestato per questo Sanremo una canzone scritta da lui. O meglio, "pure" da lui. Il pezzo è Abbi cura di te, che l’artista irpino eseguirà con (l’incolpevole) Hu. Così, davanti al montare della marea maleodorante, tutti a chiedersi: Junior chi? Cally, rapper romano finito a sua volta nell’occhio del ciclone 2 anni fa, in un Sanremo iniziato male e concluso peggio (22° su 23) per un paio di brani passati, misogini e violenti. Junior, all’anagrafe Antonio Signore, ha lanciato le accuse con un dissing su Youtube, uno di quei testi insultanti tipici della mitologia rap: "Caro Mike (Highsnob si chiama Michele Matera, ndr), a malincuore ho dovuto farlo. Potevo fare molto di peggio e assomigliare a te, ma no, non mi appartiene, il tuo male sei tu stesso e le tue scelte. Puoi raccontare balle a chi ti sta intorno, ma a me no. Adesso vai, corri sul palco". E giù un crescendo di accuse: "Hai tradito il sottoscritto. Quando avevi pezze al culo, ti pagavo anche l’affitto. Io a testa alta resto dritto, differenze fra me e te è che sono troppo vero". I due avrebbero dovuto collaborare a un progetto comune poi saltato e pure questo trova spazio nell’invettiva: "Frate giuro io non ti capisco, e lo ammetto che è spiacevole. Dillo però perché è saltato il disco, perché fra i due eri il più debole. Ma su una cosa tu avevi ragione. Io mi ero perso poi per fortuna mi son ritrovato". Gran finale con epiteti taglienti e la minaccia di far invalidare la gara: "Oggi ti salvo merda, ché ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?