Mercoledì 29 Maggio 2024

Mentana-Gruber, lui tira dritto: “Se l’azienda non parla ne trarrò le conseguenze”

Continua il botta e risposta tra i due giornalisti. Mentana ribadisce la sua posizione nel corso del tg della sera: “Sono qui da 14 anni e non ho mai offeso nessuno”

Roma, 7 maggio 2024 –  "Gradirei reciprocità e che nell'azienda non ci fosse il mutismo che accompagna la vicenda da 24 ore. Domani vedremo se c'è stato qualcosa, sennò trarrò le conclusioni”. Il direttore Enrico Mentana alza i toni al termine del tg di questa sera dopo il botta e risposta con Lilli Gruber sul ritardo di ieri nel passaggio della linea alla trasmissione Otto e Mezzo. "Come ogni lunedì ieri eravamo andati lunghi per alcuni fatti importanti. Chi ci ha seguito, Lilli Gruber, ha avuto parole offensive nei confronti del sottoscritto, sono qui da 14 anni e non ho mai offeso nessuno”, ha aggiunto il direttore. A preoccupare è quel ‘ne trarrò le conseguenze’. Cosa significa? L’affermazione di Mentana va letta come una velata ‘minaccia’ di lasciare a piedi la rete? Chissà. Intanto il botta e risposta tra i due continua ad alimentarsi.

Lite Mentana-Gruber (Ansa)
Lite Mentana-Gruber (Ansa)

Cosa è successo

Tutto ha avuto inizio ieri sera. Enrico Mentana, come ogni giorno, stava conducendo il suo tg. La possibile tregua annunciata ieri nel tardo pomeriggio ha fatto inevitabilmente slittare l’orario di chiusura del programma.

La frecciatina di Gruber 

Mentana passa la linea alla trasmissione Otto e Mezzo di Lilli Gruber in ritardo. “Buonasera e benvenuti a Otto e Mezzo alle 20:46, non alle otto e trenta”, attacca così la trasmissione Gruber, che dopo la prima stoccata al collega affonda ancora di più il colpo: “Scusateci per il ritardo ma insomma l’incontinenza è una brutta cosa”.

Il botta e risposta

Passata la notta. Mentana rivendica l’ultima parola sull’accaduto e affida la sue parole ai social. Compare un post (sia su Instagram che su Facebook) in cui mostra l’onda degli ascolti di La7 accompagnata da qualche riga di testo. “Dall'uno al nove per cento in mezz'ora. Questa è la curva degli ascolti - del tutto simile a quelle dei giorni precedenti - del tg La7 di ieri sera, segnato da fatti importanti e in continuo aggiornamento”, così Mentana giustifica il ritardo. “A quel tg però ha imprevedibilmente fatto seguito un giudizio gravemente sprezzante nei miei confronti da parte di chi conduceva il programma successivo, che pure è ogni sera diretto beneficiario di quella curva ascendente. Un giudizio da cui finora nessuno tra i vertici di La7 ha sentito il bisogno di prendere le distanze. Piccolo episodio, ma molto indicativo. A questo punto le distanze, come è doveroso, le prendo io, dai maleducati e dagli ignavi".