Sabato 22 Giugno 2024
PATRIZIA TOSSI
Magazine

Martha Stewart posa in costume da bagno a 81 anni. E supera il primato di Maye Musk

La conduttrice televisiva è la modella più anziana. Ha posato per la rivista Sports Illustrated Swimsuit: "Alla mia età, una donna può essere bella e sentirsi bene"

La copertina

La copertina

Posa in costume da bagno per una rivista a 81 anni e la notizia fa il giro del mondo. È apparsa sull’ultimo numero di 'Sports Illustrated Swimsuit' la conduttrice televisiva Martha Stewart, considerata negli States la regina del lifestyle. Biondissima e sorridente, l’anchorwoman fa bella mostra della sua eleganza (e soprattutto della sua sicurezza) sul numero speciale dedicato ai costumi da bagno della rivista sportiva americana. In copertina indossa un costume intero bianco con una scenografica cappa color oro sulle spalle, mentre nelle pagine interne fa bella mostra di un corpo ancora perfetto nonostante l’età.

“Alla mia età, una donna può essere bella”

Classe 1941, la conduttrice televisiva sta riscrivendo la storia: è diventata la modella più anziana finita su un giornale. Ha surclassato perfino Maye Musk, mamma di Elon Musk, scelta l'anno scorso come modella a 74 anni. “Di solito sono motivata dai soldi – ha detto la conduttrice – ma questa volta sono stata motivata dal mostrare alle persone che una donna della mia età può ancora sembrare bella, sentirsi bene. Ho pensato che questa (in riferimento alla copertina di Sports Illustrated Swimsuit, ndr) fosse una cosa storica e quindi dovevo davvero essere bella”.

La guru della terza età

Martha Stewart indossa un costume bianco con un copricostume dorato. “Per le donne di mezza età, oppure anziane – ha spiegato Holly Thomas, ricercatrice e docente di medicina all'università di Pittsburg – è un elemento stimolante vedere una persona di quella fascia di età rappresentata in edicola, sugli scaffali dei supermercati. È diverso che vederla sulla copertina di Vogue con addosso un abito. L'edizione Sports Illustrated Swimsuit occupa un posto speciale nella psiche degli americani quando si tratta di ideali di bellezza”.