Mercoledì 24 Aprile 2024

L’eco-guerriero che ha provato a salvare l’Amazzonia

Il documentario "L'avamposto" racconta la vita e i sogni di Christopher Clarke, eco-guerriero che ha dedicato la sua vita a salvare l'Amazzonia, con l'obiettivo di sensibilizzare sul cambiamento climatico e preservare la natura.

L’eco-guerriero che ha provato a salvare l’Amazzonia

L’eco-guerriero che ha provato a salvare l’Amazzonia

A parte la bellezza travolgente dell’Amazzonia, quello che resta nel cuore di questo documentario è il doppio sogno di Christopher Clarke, eco-guerriero “Fitzcarraldo“ la cui missione è stata quella di salvare lo Xixuaù, il cuore del Brasile minacciato dal climate change, immaginando un concerto dei Pink Floyd nella foresta amazzonica. Questa la storia che racconta L’avamposto di Edoardo Morabito, documentario nel 2023 a Venezia alle Giornate degli Autori e da oggi in sala con Luce Cinecittà.

E che Christopher Clarke sia stato un sognatore lo dimostra la sua vita: "Lui ha girato il mondo – dice Morabito – Era un grande intellettuale, figlio di un editore di libri per bambini, poliglotta, ha fatto i soldi come imprenditore in Toscana restaurando casali che vendeva agli inglesi. Poi si è stufato e tutta la sua vita e i guadagni li ha dedicati all’Amazzonia". E questo fino alla sua prematura morte nel 2020, a 59 anni; nel 2018 un’area di circa 630 mila ettari di foresta vergine in Amazzonia era stata riconosciuta come Riserva del Basso Rio Branco-Jauaperi: emblema di biodiversità, protezione del territorio e battaglia contro i cambiamenti climatici.

Il documentario (prodotto da Dugong Films con Rai Cinema) racconta quest’ultimo grande sogno dell’attivista, rilanciare l’interesse globale sull’Amazzonia e fare così pressione sul governo brasiliano per salvare un paradiso naturale che mostrava i primi segni di degrado. L’avamposto del titolo fa invece riferimento a un altro suo sogno da idealista. Clarke era infatti riuscito a creare nel cuore della foresta amazzonica il suo personalissimo “Avamposto del progresso“: un modello di società utopica basato sull’equilibrio perfetto tra natura e tecnologia, gestito e preservato dagli abitanti della foresta. E questo con l’aiuto della comunità dei Caboclos, meticci brasiliani che fece diventare i guardiani della foresta.

"Mentre il mondo brucia e noi assistiamo al cambiamento climatico come fosse la diretta streaming del grande spettacolo che è l’apocalisse, Chris si sente investito di una missione: salvare quel che resta dell’Amazzonia. Con ogni mezzo possibile. L’avamposto – dice Morabito nelle sue note – è certamente un film sulla fine del mondo o quantomeno sulla distruzione della natura per mano dell’uomo. Ma è soprattutto un film sull’importanza del sogno per tornare ad immaginare possibili futuri... Perché sognare, come direbbe Chris, significa agire in prospettive cosmiche".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro