Mercoledì 24 Aprile 2024

L'8 marzo esce nuovo album di Pete Doherty: chi è, carriera, amori

Il leader dei The Libertines ha chiuso con le droghe e l’alcol. E torna con nuova musica

Il ritorno di Peter Doherty alla musica - Crediti: Ansa Foto

Il ritorno di Peter Doherty alla musica - Crediti: Ansa Foto

Inizialmente previsto per l’8 marzo, il nuovo disco dei The Libertines è stato posticipato al 29 marzo. Il disco, All Quiet on the Eastern Esplanade, è stato prodotto da Dimitri Tikovoï (the Horrors, Charli XCX, Becky Hill). Per promuovere il progetto è stato pubblicato il primo singolo “Run Run Run”, già disponibile da tempo. Sono passati nove anni dalla loro ultima fatica discografica, Anthems For Doomed Youth, rilasciato nel 2015. La band vede, tra i membri principali, Pete Doherty che ha anticipato come l’album avrà un energia diversa rispetto ai precedenti nelle 11 tracce che lo compongono. Ha spiegato, inoltre, come la band "si sia davvero riunita" e abbia ritrovato un "momento di rara pace" creando il progetto musicale attesissimo dai fan.  

Pete Doherty, chi è il leader dei The Libertines

Peter Doherty è nato il 12 marzo 1979 e ha fondato i The Libertines con Carl Barât nel 1997. Parallelamente si esibisce anche con altre due band indie, i Babyshambles e Peter Doherty and the Puta Madres. Originario di Hexham, Northumberland, entrambi i genitori del cantante erano militari. Secondo di tre figli, quando era piccolo ha iniziato a suonare la chitarra per fare colpo su una compagna di classe della quale si era invaghito. I The Libertines sono nati alla fine degli anni ‘90 ma il successo internazionale è arrivato qualche anno dopo, nel 2002, grazie all'uscita del loro album di debutto in studio “Up the Bracket”. Nei mesi a seguire, però, i problemi di droga di Pete Doherty lo portarono ad essere allontanato dal gruppo. Nel 2003 fu arrestato per aver svaligiato l’appartamento del collega Barât, con cui aveva proprio fondato la band. La condanna si ridusse da 6 a 2 mesi per il cantante e, col tempo, anche la tensione con Barât si spense. Venne riaccettato dal gruppo e torno ad esibirsi con i The Libertines, promettendo di gestire e risolvere il suo problema con la droga. Si iscrisse al centro di disintossicazione alternativo Wat Tham Krabok, un tempio in Thailandia, ma vi rimase solo per pochi giorni. Nel 2004, quindi, gli venne nuovamente chiesto di abbandonare il gruppo, proprio per l’incapacità a disintossicarsi dalla sua dipendenza. Specificarono di volerlo nuovamente con loro una volta tornato pulito ma alla fine del 2004 fu Doherty ad andarsene e il gruppo si sciolse, smentendo così la precedente pausa momentanea annunciata. Solo nel 2010 avviene l’attesa reunion del gruppo. I The Libertines firmano anche un contratto discografico con la Virgin Emi Records pubblicando il terzo album in studio, Anthems for Doomed Youth, l'11 settembre 2015. Nel 2016 e 2019 si esibirono in tour in diverse date live. Fino all’annuncio del nuovo disco, All Quiet on the Eastern Esplanade, disponibile dal prossimo 29 marzo 2024. Ritornare insieme a registrare un disco non è stato semplice, hanno ammesso Barât e Doherty nel promuovere il progetto. Quest’ultimo ha sottolineato come il collega avesse vietato anche qualsiasi genere di alcol durante le fasi di registrazione e incisione. Non doveva esserci la possibilità di alcuna distrazione. Lo stesso Pete ammise di sentirsi fiero, orgoglioso e anche stupito nel rendersi conto che era in grado di fare musica senza il supporto di alcol o droga nel suo corpo (“Mi sentii sollevato. E orgoglioso. Poter dire a mia moglie: ‘Non bevo’, ero orgoglioso””). Nei giorni scorsi, Pete Doherty ha rivelato che gli è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 (“E al momento mi manca la disciplina per affrontare il colesterolo”). E assicura di aver chiuso con i problemi di alcol e di droga che lo hanno portato a problemi con la legge negli anni precedenti. Nella sua vita è stato arrestato per reati legati alla droga, per guida in stato di ebbrezza, furto d'auto e per avere guidato un’auto nonostante avesse la patente sospesa. Si è dichiarato colpevole di possesso di crack, cocaina, eroina, cannabis e ketamina. Proprio queste sue dipendenze lo hanno portato più volte all’arresto e anche a frequentare diverse strutture di riabilitazione. Oggi il cantante ha ammesso di essere malato – incluso la recente diagnosi di diabete 2 - proprio per la sua vita sregolata avuto negli anni. Essersi allontanato dalla droga e dall’assunzione di alcol gli ha comunque migliorato l’esistenza (“Ho rinunciato ai principali veleni e la mia salute è migliorata”). A maggio del 2023 è diventato papà di una bambina di nome Billie-May Doherty, con sua moglie Katia de Vidas. Una coppia non solo in campo sentimentale ma anche artistico. I due fanno parte della band Puta Madres con Katia De Vidas alla tastiera e Doherty nel ruolo del frontman. Si sono sposati nel 2021.

Gli amori tormentati di Pete Doherty

Il nome di Pete Doherty è anche legato alla memoria di Amy Winehouse, cantante inglese scomparsa nel 2011. Tra i due era nato un rapporto complicato, tossico, che non avevano inizialmente ammesso alla stampa. Ma dopo la morte dell’interprete di “Back to Black”, fu Doherty a spezzare il silenzio e ammettere di averla amata. Raccontò, in un’intervista, di essere stato preoccupato la salute della donna, di aver intuito le sue fragilità ma alla fine il loro rapporto si era deteriorato inesorabilmente e senza speranze. Il cantante ebbe anche una relazione molto chiacchierate e seguita dalla stampa insieme a Kate Moss. Si conobbero nel 2005, iniziando a frequentarsi. Nel 2007 lui la definì “sua fidanzata” in concerto, rivelando l’intenzione di volerla sposare. Tutto naufragò perché i due si lasciarono prima del grande passo. A ottobre 2007 iniziò una relazione con la modella canadese di origine romena Irina Lazareanu.

<< span="">< span="">Pete Dohery ha tre figli. Il primo è Astile nato il 13 luglio 2003 da una relazione con la cantante Lisa Moorish. Poi nacque Aisling Erin, il 26 dicembre 2011 da una storia con la modella sudafricana Lindi Hingston. Infine, nel maggio 2023, venne alla luce la terza figlia, Billie-May Doherty, nata dalla storia con la sua attuale compagna Katia De Vidas. Oggi Doherty vive nel nord della Francia con Katia  De Vidas e la loro bambina La donna ha diretto il documentario “Peter Doherty: Stranger In My Own Skin”. Nel racconto viene descritta la lotta del musicista e cantante contro la dipendenza delle droghe. <><<>  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro