Venerdì 21 Giugno 2024
PATRIZIA TOSSI
Magazine

In missione contro droga e Doors Agente Elvis, supereroe da cartoon

Migration

di Patrizia Tossi

Re del rock di fronte al pubblico, ma in realtà 007 in lotta contro droga, hippy e Doors: è Agent Elvis. Ha debuttato ieri su Netflix il cartoon per adulti (per adesso 10 episodi da 30 minuti ciscuno) ispirato alla rockstar più famosa al mondo in versione agente segreto che porta la firma, tra gli altri creatori, anche di Priscilla Presley, l’ex moglie 77enne di the Pelvis (1935-1977). Ironica, dissacrante e con una linea grafica e inquadrature totalmente anni ’70 – molto in stile Tarantino – la serie a cartoni animati vede The King scambiare la sua mitica “tuta bianca“ degli show di Las Vegas con uno zaino jet ed entrare in un gruppo di spie per fermare i “cattivi pronti a distruggere il mondo“. E, come un vero agente segreto in missione speciale, eccolo lì che picchia i nemici, tra trafficanti di Lsd e gag divertenti. Il tutto condito da musica a pioggia.

Un sogno che si avvera? "Fin da piccolo, Elvis ha sempre sognato di essere un supereroe, di combattere il crimine e di salvare il mondo", aveva confessato in un’intervista l’ex moglie del Re del Rock. E così, nella nuova serie, Elvis si muove in una gimcana tra fatti realmente accaduti, miti e finzione su una trama d’azione che non risparmia citazioni e situazioni surreali. Un’avvertenza è d’obbligo: non è un cartone animato per bambini. E questo lo si capisce fin dalle prime battute di Agente Elvis: "Ho deciso tempo fa che non sarei rimasto seduto mentre questo paese è dilaniato da tutto il caos, gli hippy sporchi, la droga, i comunisti, il crimine", svela il protagonista della serie, che ha come partner inseparabile lo scimpanzé (psicotico) Scatter.

L’idea è nata nel 2019, quando Priscilla Presley ha incontrato la creatività del rocker John Eddie – diventato famoso nel circuito dei club americani degli anni ’70 – e la scrittura originale di Mike Arnold, sceneggiatore della serie animata per adulti Archer. Ad accaparrarsi subito il soggetto è stata la Sony Animation Studios, e la vera anima della serie è il visual graphic Robert Valley, che ne ha seguito la direzione artistica: Valley è garanzia di eccellenza, visto che è stato candidato all’Oscar con il cortometraggio Pear Cider and Cigarettes (2019) e aveva già messo il suo genio al servizio della musica lavorando nel team di The Beatles: Rock Band (2009).

Anche nella realtà Elvis, nel famoso incontro con Richard Nixon alla Casa Bianca, offrì al governo americano il suo talento nella lotta alla droga. È proprio da qui che nasce la storia-cartoon: una continua avventura sopra le righe, condita da umorismo e violenza, karate, sparatorie e bellezze hollywoodiane. Protagonista indiscusso è Matthew McConaughey che dà la voce all’agente segreto Elvis, affiancato da Priscilla, che doppia se stessa.