Harmont & Blaine. Emozioni di qualità

di Eva Desiderio E’ un brand ricco di emozioni e di entusiasmo, che comunica positività e gioia di vivere, ottimismo e...

Harmont & Blaine. Emozioni di qualità
Harmont & Blaine. Emozioni di qualità

di Eva Desiderio

E’ un brand ricco di emozioni e di entusiasmo, che comunica positività e gioia di vivere, ottimismo e grande senso del colore. Nel puro stile dell’italianità. Harmont & Blaine, il marchio del Bassotto che riscuote apprezzamento e simpatia e che fa capo alla società Harmont & Blaine SpA, produce e distribuisce abbigliamento smart upper-casual di fascia alta destinato al segmento premium del mercato. Due linee quella maschile, la più forte e con una quota dell’80% delle vendite, e quella femminile che ha grandi prospettive di crescita passando nel giro di tre anni dal 20% al 30%. Un posizionamento ottimo, in Italia e nel mondo, che in questo 2023 ha permesso all’azienda di raggiungere un traguardo importante come i 100 milioni di fatturato.

"Abbiamo suonato la campanella dei 100 milioni – racconta con orgolio Paolo Montefusco, direttore creativo e amministratore delegato dal luglio 2022 dopo il riassetto generale del marchio di famiglia che possiede con i fratelli Massimo ed Enzo e Domenico Minniti – e tutti siamo felici perché abbiamo sempre condiviso tutto e siamo più che fratelli, siamo super uniti. Questo fatturato è un obiettivo importante, raggiunto per altro in un momento di criticità per il mondo intero. Con la nuova visione di Harmont & Blaine e il nuovo piano industriale penso che anche il 2024 per noi sarà un anno altrettanto importante e di stabilità certa, anche se per la moda in genere le prospettive geopolitiche restano incerte".

Quartier generale da sempre a Napoli, polo per il marketing e la comunicazione in via Tortona a Milano, un’azienda dinamica con oltre 600 dipendenti diretti più di 1000 di indotto, col Bassotto simbolo del marchio che si afferma grazie all’ottimo rapporto qualità/prezzo e con quella intesa forte coi consumatori. Centocinquanta negozi tra diretti e indiretti in 46 paesi nel mondo, tra monobrand e presenza nei department store, 469 boutique multimarca, forte radicamento in Spagna con la recente apertura a Madrid. Presto ci sarà anche il restyling della boutique di Milano col nuovo concepet.

"Sono nato come responsabile stile del marchio, da sempre, e ancora oggi lo sono e coordino il nostro team interno guidato da Tiziano Foglia che è cresciuto con noi – continua Paolo Montefusco – e forse per questo ho sempre sviluppato una grande attenzione verso la clientela e i suoi gusti. Per me il cliente è al centro del mondo, noi giriamo intorno. Per questo stiamo sviluppando un gran lavoro sul digital e presto l’azienda sarà interamente digitale e in modalità multicanale. Questo ci permetterà una mappatura del cliente e delle sue esigenze e necessità".

Nuovi progetti anche per lo spot con la sponsorizzazione della squadra femminile della Roma , e per la promozione del tour di 50 tappe a teatro per ’Mare Fuori Il Musical’, con la regia di Alessandro Siani autore anche della serie cult della tv:le rappresentazioni sponsorizzate dal Bassotto si concluderanno il 17 marzo al Teatro Europa di Bologna. Avvenimenti importanti nello spirito di positività che da sempre anima il marchio che inneggia alla forza vitale dei colori per maglieria e camiceria al top e per un total look lei e lui sempre più italiano. E la produzione? Si fa per una parte consistente in Italia e poi nelle parti del mondo più specializzate. La maglieria che da sempre si distingue per fantasia e qualità vanta piattaforme produttive in Calabria, a Cosenza, in un progetto illuminato di riattivazione del lavoro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro