Lunedì 27 Maggio 2024

Francamente, il vero Califano

Migration

Minuetto risuona per lui. Franco Califano se ne andava dieci anni fa, il 30 marzo del 2013, a 75 anni. Oggi la sua Minuetto, scritta nel ’73 e portata al grande successo da Mia Martini, a sorpresa (?) ha preso a far parte della colonna sonora della vita di tante ragazze della Generazione Z che su TikTok la condividono, la commentano, ne rimangono commosse, incantate e rapite. È stato un grande Califano, un grande che ha sicuramente dato molto di più di quanto abbia ricevuto. Ecco perché è importante il libro che lo racconta adesso: Francamente Franco, edito da Castelvecchi e scritto dall’amico del cantautore romano Marino Collacciani, docente di scienza della comunicazione, editorialista, autore di scoop memorabili (fu il primo a dare notizia del massacro del Circeo e dell’arresto di Enzo Tortora).

Fin dalle prime pagine del libro (sottotitolo “Il vero volto di Califano“, prefazione di Edoardo Vianello) Collacciani prende ogni luogo comune su Franco lo analizza e lo distrugge: numero 1 a Franco non piaceva essere chiamato Califfo, men che meno “er“ Califfo. Numero due: non era un donnaiolo farfallone – eterno l’amore per Mita Medici –, né un drogato irresponsabile. Era una persona generosa, Franco, finito sì in galera ma impegnato al fianco dei ragazzi della Comunità Incontro, con don Gelmini. Capace di declinare la razionalità con il sogno, di individuare i fantasmi dell’isolamento e trasformarli in compagni indispensabili per lottare la depressione. Era, soprattutto, un artista che ha scritto canzoni bellissime: E la chiamano estate, La musica è finita... "L’umiltà, quella dei grandi, ti portava a riversare quanto di meglio elaboravi nella costruzione dei pensieri all’interno dei brani (...) Nel silenzio dell’ascolto – scrive Collacciani – parlano le frasi, e il dialogo, mai muto, con chi si avvicina alla tua prosa" è "una garanzia ritrovata e mai scaduta: l’eredità di un inimitabile genio. Francamente, Franco, ce l’abbiamo fatta".

R.S.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro