Domenica 21 Luglio 2024

Chi è Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto Vecchioni

La carriera e la vita privata della presidente dell’associazione Diversity Lab

Francesca Vecchioni

Francesca Vecchioni

Tra i cantautori più apprezzati e celebri del panorama italiano c’è sicuramente Roberto Vecchioni. Nel 1973, l’uomo ha sposato Irene Bozzi e dalle loro nozze è nata Francesca, la prima figlia. Qualche anno dopo, nel 1981, divorziarono e l’artista incontrò la seconda moglie Daria Colombo con la quale ha avuto altri tre figli, Carolina, Arrigo (scomparso ad aprile 2023) ed Edoardo. Nel 2012, Roberto Vecchioni è diventato anche nonno di due gemelle nate da Francesca e, in seguito, di altre due bambine nate dall’altra figlia, Carolina. Conosciamo meglio la primogenita del cantautore, Francesca Vecchioni.  

Chi è Francesca Vecchioni tra carriera e vita privata

Francesca Vecchioni è nata a Firenze nel 1975. Come già anticipato, è madre di due bambine, avute insieme alla compagna di allora, Alessandra Brogno. Le due hanno poi deciso di separarsi ma resta, tra di loro, un forte rapporto di stima e affetto. Ad oggi il gossip si interroga se la donna sia ancora single oppure se abbia iniziato una nuova frequentazione. Si è parlato anche di una relazione tra Francesca e Simona Borioni ma proprio l’attrice ha smentito il rumor, diverso tempo fa. Sarà ancora così anche oggi? E ci sarà una donna pronta a far battere nuovamente il cuore per la Presidente dell’associazione Diversity Lab? Nata nel 2013, la Fondazione si impegna da sempre nel diffondere e promuovere la cultura dell’inclusione. E, citiamo letteralmente, “favorendo una visione del mondo che includa la molteplicità e le differenze come valori e risorse preziose per le persone e le aziende”. Nel 2021, la Vecchioni è stata indicata da Forbes nella top 100 delle “donne vincenti”. Ha scritto e pubblicato diversi libri. Nel 2013 è uscito “Le cose cambiano” (2013, Isbn Edizioni), seguito da "Il tempo delle nuove mamme” (2015, Corriere della Sera). Più recentemente, invece, “Pregiudizi Inconsapevoli. Perché i luoghi comuni sono sempre così affollati” (2020, Mondadori), “T’innamorerai senza pensare” (2015, Mondadori); firmato i volumi “Parole o-stili di vita. Media e persone LGBTQIA+” (2020, Ordine dei Giornalisti Lombardia). Parlando della sua omosessualità, Francesca Vecchioni ha ricordato quanto i genitori l’abbiano fatta sentire accolta con estrema naturalezza. Ha ammesso di averlo detto quando aveva circa 18, 19 anni, dopo averlo confessato - per prima - ad alcuni suoi amici. Ha invitato in più occasioni i giovani a dichiararsi il prima possibile per poter vivere serenamente sia nella società che nel mondo del lavoro. Parlando del giorno in cui ha voluto fare coming out con i suoi genitori, riporta la reazione della madre che “già lo sapeva” e le propose di andare a ballare insieme al Mucca Assassina, un famoso locale gay di Roma. Fu invece il padre a chiederle se fosse omosessuale e lei ha semplicemente ammesso. La reazione è stata da manuale con l’uomo che la mandò letteralmente a quel paese, aggiungendo “Ma cavolo, chissà cosa pensavo mi dovessi dire!”. Era preoccupato che la figlia avesse dei problemi seri o di salute e si è sentito sollevato quando ha saputo l’origine vera del suo stato d’animo. Reazioni da incorniciare e portare ad esempio a quei migliaia di ragazzini (e ragazzine) che ancora faticano ad esprimersi e, soprattutto, ai loro genitori.