Cambio dell'ora
Cambio dell'ora

Roma, 11 ottobre 2019 – L’estate si allontana. Le giornate iniziano ad accorciarsi, le temperature a diminuire. Il cambio dell’ora, da quella legale a quella solare, si avvicina e così anche la tanto temuta stagione, l’inverno. Via i costumi e i teli da mare, dunque. Sta per tornare il tempo dei maglioni di lana e delle calze pesanti. E delle giornate con poche ore di luce.

Quando e come cambia l'ora

Alle 03:00 di notte tra sabato 26 ottobre 2019 e domenica 27 ottobre dovremo spostare le lancette dell'orologio indietro di un'ora (le 03:00 diventeranno le 02:00). Quindi dormiremo un'ora in più. Termina così l'ora legale e inizia quella solare, che ci accompagnerà fino a domenica 31 marzo 2019.

ABOLIZIONE SÌ O NO? - “Ma alla fine il cambio dell’ora verrà abolito o no?”, si chiedono in molti. Cerchiamo di fare chiarezza: l’Unione Europea sembrava decisa a tutti i costi a voler abolire questo passaggio. Dopo le numerose dichiarazioni del presidente Jean-Claud Juncker (in carica fino al 31 ottobre 2019; dopodiché sarà succeduto dalla tedesca Ursula Von der Leyen), l’anno scorso era arrivata la proposta ufficiale della Commissione europea: ogni Stato avrebbe dovuto scegliere se applicare in modo permanente l’ora legale o quella solare. Ma mentre inizialmente la deadline era la fine del 2019, successivamente l’abolizione del cambio è stata rinviata fino al 2021. I Paesi dell’Ue, infatti, hanno chiesto più tempo per decidere.

E alla fine è stato stabilito che le scelte dovranno essere presentate entro aprile 2020. A quel punto, si potrebbe persino arrivare a una consultazione popolare, lasciando così ai cittadini la libertà di esprimere la propria opinione in merito. Manca ancora non poco tempo, vedremo dunque quel che succederà e cosa verrà deciso.