Lunedì 20 Maggio 2024

Diretta Ucraina, Kuleba: "Non è ancora tempo di pace". E attacca il Vaticano

Il ministro degli Esteri di Kiev: "La Santa Sede non può metterci sullo stesso piano. Non siamo fratelli, loro sono Caino e noi Abele". Attacchi russi con droni iraniani nella notte, Odessa senza elettricità

Roma, 10 dicembre 2022 - "La triste verità è che non è ancora arrivato il momento per una mediazione". Il ministro degli Esteri dell'Ucraina Dmytro Kuleba non sembra credere a possibili venti di pace nella guerra con la Russia. Le parole di ieri di Vladimir Putin ("Alla fine accordo inevitabile per concludere il conflitto") non convincono Kuleba: "Se vuoi la pace, non mandi missili ogni settimana per distruggere le nostre infrastrutture, non continui a mandare militari per catturare le nostre città, non annetta territori che sono di altri", dice ai giornalisti in missione con l'ambasciata ucraina presso la Santa Sede. Kuleba guarda con favore a un possibile futuro ruolo del Vaticano nella evantuale trattativa di pace: "Arriverà il momento della mediazione e se la Santa Sede vorrà partecipare sarà benvenuta".

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba (Ansa)
Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba (Ansa)

Non mancano però le frecciate: la Santa Sede o qualsiasi Stato "non devono dire che se aiutano con qualcosa, devono anche essere neutrali per non spaventare i russi. Noi non accettiamo questo". Il ministro di Kiev ribadisce: "Ricordiamo che la Russia è l'aggressore e l'Ucraina la vittima. Non possiamo essere messi sullo stesso piano, altrimenti si crea un messaggio sbagliato, come se entrambi fosssero responsabili della guerra". E ancora: "Non si può insistere sul concetto di fratellanza, non siamo fratelli". "È come Caino e Abele. Hanno violato tutte le leggi di Dio nel nostro territorio". Nel frattempo, continuano i raid russi sull'Ucraina: Kiev ha sostenuto di aver abbattuto 10 dei 15 droni kamikaze lanciati da Mosca nella notte. 

9:35"Evitare conflitto tra Russia e Nato"Il segretario della Nato, Jens Stoltenberg, teme che i combattimenti in Ucraina possano trasformarsi in una guerra tra la Russia e l'Alleanza atlantica: lo ha affermato lo stesso Stoltenberg in un'intervista all'emittente norvegese NRK pubblicata ieri. Lo riportano i media internazionali. "Se le cose vanno male, possono andare terribilmente male", ha detto Stoltenberg. "È una guerra terribile in Ucraina. È anche una guerra che può diventare una grande guerra a pieno titolo tra la Nato e la Russia. Stiamo lavorando ogni giorno per evitarlo", ha proseguito l'ex primo ministro norvegese sottolineando: "Non c'è dubbio che una guerra vera e propria sia una possibilità". Per questo, è importante evitare un conflitto "che coinvolga più Paesi in Europa e diventi una guerra vera e propria in Europa".
9:40Kiev: droni abbattuti nel sud del PaeseL'Aeronautica ucraina ha abbattuto nella notte dieci dei 15 droni kamikaze iraniani lanciati dai russi contro il sud del Paese. Lo rende noto il comando dell'Aeronautica, citato dall'agenzia Ukrinform, secondo cui "nella notte del 10 dicembre gli occupanti russi hanno attaccato il sud dell' Ucraina con droni kamikaze Shahed-136/131 di fabbricazione iraniana. Unità del comando aereo "Sud" delle forze armate ucraine hanno abbattuto dieci droni kamikaze nemici sopra le regioni di Kherson, Mykolaiv e Odessa".
10:30"Il nipote di Kadyrov in Ucraina per saccheggiare i territori"Il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha inviato suo nipote, Khasan Ibragimov, nella parte occupata del sud dell' Ucraina per controllare i "capi" nominati dalla Russia e saccheggiare i territori: lo afferma su Telegram il sindaco di Melitopol, Ivan Fedorov, come riporta Ukrainska Pravda. "Nuovi Gauleiter (il termine che indicava i governatori tedeschi dei territori occupati dai nazisti nella Seconda Guerra Mondiale, ndr) stanno iniziando ad arrivare (nella parte occupata della regione di Zaporizhzhia). Questa settimana ne è arrivato uno nuovo, un nipote di Ramzan Kadyrov", ha scritto Fedorov. Secondo il sindaco, l'uomo era un ministro della politica agraria in Cecenia e l'obiettivo della sua visita è quello di saccheggiare la parte occupata della regione e rubare soprattutto il grano. Inoltre, prosegue il sindaco, il nipote di Kadyrov si assicurerà che "i soldi vadano esclusivamente nelle tasche giuste", "terrorizzerà" i civili e, cosa più importante, controllerà i collaboratori locali. La notizia è stata confermata dal Centro per il Giornalismo Investigativo, secondo cui Ibragimov è diventato un cosiddetto rappresentante del capo della Repubblica cecena nelle zone occupate delle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhia. Una "delegazione governativa" cecena si trova attualmente nella città di Melitopol occupata, sottolinea il Centro
13:41Odessa senza elettricitàLa città di Odessa, nel sud dell'Ucraina, è quasi del tutto priva di elettricità dopo l'attacco di "droni kamikaze" russi la notte scorsa: lo ha reso noto su Telegram il consigliere della presidenza ucraina, Kyrylo Tymoshenko. "Per il momento la città è senza elettricità", ha scritto Tymoshenko precisando comunque che le infrastrutture essenziali, compresi gli ospedali e i reparti di maternità, hanno accesso alla corrente elettrica. "La situazione rimane difficile, ma è sotto controllo", ha sottolineato.
16:10Nobel ucraino: "Pace non si ottiene deponendo le armi"La direttrice della ong ucraina vincitrice del Premio Nobel per la Pace ha detto che la pace in Ucraina non può essere raggiunta "deponendo le armi" di fronte a la Russia di Vladimir Putin. "Il popolo ucraino vuole la pace più di chiunque altro al mondo", ha detto la direttrice del Centro per le libertà civili, Oleksandra Matviichuk, durante la cerimonia del Nobel, ricevendo l'ambito riconoscimento. "Ma la pace per un Paese attaccato non si ottiene deponendo le armi. Non sarebbe pace, ma occupazione".
17:01"47mila crimini di guerra russi"Le forze dell'ordine ucraine hanno documentato 47.000 crimini di guerra commessi dai russi dall'inizio della guerra. Lo ha dichiarato la polizia nazionale ucraina, secondo quanto riportato da Ukrinform. "Da quando è iniziata l'invasione russa su vasta scala in Ucraina, la polizia ha registrato 47.000 crimini di guerra commessi dagli occupanti, tra cui torture, stupri, uccisioni di civili", afferma una nota della polizia.
17:30Ue: ok a 18 miliardi di prestiti per KievIl Consiglio Ue ha raggiunto un accordo su un pacchetto legislativo che consentirà all'Ue di fornire all'Ucraina un aiuto finanziario per tutto il 2023 pari a 18 miliardi di euro. La proposta è stata adottata oggi dal Consiglio mediante procedura scritta e sarà presentata al Parlamento europeo per la sua eventuale adozione la prossima settimana.
18:01Media: incendio in caserma russa in CrimeaUn incendio su larga scala è scoppiato in un edificio dove erano alloggiati i russi nel villaggio di Sovietske, nella  Crimea occupata. Lo hanno riferito le Forze armate ucraine in un messaggio Telegram citato da Unian. "Questa mattina la caserma, con diverse centinaia (secondo alcuni rapporti - diverse migliaia) di persone mobilitate, era in fiamme", hanno scritto nel messaggio che pubblica anche video che mostrano come l'incendio abbia coperto una vasta area. Al momento non ci sono informazioni ufficiali su possibili vittime.
18:20Dalla Germania 470 generatori elettrici per 19,5 mlnL'ambasciata di Germania a Kiev ha annunciato l'invio in  Ucraina di 470 generatori elettrici di vario tipo per un costo complessivo di 19,5 milioni di euro. Lo riporta Ukrinform. Sono 150 i generatori già operanti nel Paese e ulteriori sono in corso di spedizione: alcuni diretti alla compagnia energetica nazionale Ukrenergo, altri alle aree di Odessa, Mykolaiv e Kherson. A novembre scorso la Germania ha spedito 20 generatori, 10 pompe e un mini-escavatore nella regione di Mykolaiv per la riparazione delle condotte idriche. 
19:27Maggior parte di Odessa senza elettricità per attacchi russiLa maggior parte della città di Odessa e gran parte della regione nel sud dell'Ucraina è rimasta senza elettricità in seguito agli attacchi condotti dalle forze armate russe alle infrastrutture energetiche. Lo denuncia l'azienda energetica Dtek spiegando che "stasera c'è stato un altro attacco da parte della Federazione Russa alle strutture delle infrastrutture energetiche nella regione di Odessa. Diverse strutture sono state distrutte contemporaneamente. A causa dell'entità della distruzione delle infrastrutture energetiche a Odessa, tutti i consumatori, ad eccezione delle infrastrutture critiche, sono stati disconnessi elettricità''. Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell'ufficio del presidente ucraino, ha confermato che la città di Odessa è attualmente senza elettricità e che l'elettricità è stata ripristinata solo in alcune strutture critiche come gli ospedali.
20:32Esplosioni a Sebastopoli, Sinferopoli e MelitopolForti esplosioni sono state udite a Sebastopoli e Sinferopoli, nella Crimea occupata dai russi. Lo riporta l'agenzia ucraina Rbc. Secondo testimoni oculari citati dall'agenzia, una forte esplosione si è udita vicino all'aeroporto di Sebastopoli, dove si è attivato l'allarme antiaereo, ha riferito la Tass. Inoltre, più di 10 esplosioni si sono udite nella Melitopol occupata, nell'oblast di Zaporizhzhia. "Sono state udite più di 10 forti esplosioni in tutti i quartieri della città", ha dichiarato il sindaco Ivan Fedorov su Telegram, riferisce Ukrinform. "Gli occupanti si stanno agitando. Stiamo aspettando buone notizie dalle forze armate", ha scritto.
20:34Scholz: Dobbiamo continuare i negoziati con KievÈ necessario continuare i negoziati con il presidente russo Vladimir Putin; lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz in un incontro con gli elettori a Potsdam, citato dalla Tass. "Abbiamo opinioni opposte", ha detto. "Ma continuerò a parlargli perché voglio cogliere il momento in cui sarà possibile uscire da questa situazione. Non può succedere se non ci parliamo", ha detto Scholz. 
20:42Kiev: Capaci di tutto se Russia continua a bombardarciL'Ucraina "è capace di tutto se la Russia continua il suo terrore missilistico". Lo ha dichiarato il segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale ucraino, Oleksiy Danilov, secondo quanto riportato da Ukrinform. "Siamo capaci di tutto. Dopotutto, non chiederemo a nessuno nulla che riguardi i nostri interessi, dove dobbiamo sconfiggere il nemico. Non chiederemo a nessuno come dovremmo distruggere il nemico", ha detto alla tv ucraina Nta. A tutti coloro che consigliano all'Ucraina di non esacerbare la situazione, quest'ultima "si è esacerbata non solo dopo il 24 febbraio, ma per anni. Non possiamo non rispondere all'aggressore che invade costantemente il nostro territorio", ha aggiunto l'esponente ucraino. In precedenza, Danilov ha affermato che il metodo migliore "per prevenire l'escalation del conflitto" è una sconfitta militare completa e incondizionata della Russia. 
21:47Zelensky: ore difficili a Odessa"La situazione nella regione di Odessa è molto difficile. Dopo l'attacco russo con droni iraniani, la città e altre località del distretto sono al buio: più di un milione e mezzo di persone nella regione sono senza elettricità. Solo le infrastrutture critiche sono collegate, per quanto è possibile fornire corrente". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo video messaggio serale commentando la situazione a Odessa dopo l'attacco con droni kamikaze della notte scorsa.
22:52Tre mesi senza luce, residenti Odessa invitati a partirePer riparare il sistema elettrico danneggiato dai droni lanciati dall'esercito russo la notte scorsa su Odessa e la regione potrebbero volerci fino a due o tre mesi: "Se si ha l'opportunità di lasciare temporaneamente la città e le zone rimaste senza corrente, allora vale la pena farlo": è il messaggio ai residenti lanciato dal Dipartimento dei sistemi energetici della regione di Odessa dopo la comunicazione dell'operatore elettrico statale Dtek che ha avvertito dei tempi lunghi per il ripristino della corrente. Lo riportano i media ucraini. "Odessa e quasi l'intera regione rimangono senza elettricità", ha affermato Dtek in una nota.