Sylvester Stallone indagato per aggressione sessuale (Ansa)
Sylvester Stallone indagato per aggressione sessuale (Ansa)

Los Angeles, 15 giugno 2018 - Sylvester Stallone, uno dei divi di Hollywood coinvolti dallo scandalo delle molestie, è sotto indagine con l'accusa di aver compiuto reati sessuali. L'ufficio del procuratore distrettuale di Los Angeles  sta indagando in particolare sul caso che riguarda una denuncia contro l'attore presentata nel 2017, ma il presunto reato sarebbe avvenuto negli anni '90. Da parte sua Stallone nega ogni addebito. Il portavoce della procura distrettuale Greg Risling dice: "Oggi è stato presentato un fascicolo dal dipartimento di polizia di Santa Monica che riguarda Sylvester Stallone" e "se ne sta occupando la nostra task force per i crimini sessuali". 

Non è la prima volta che Stallone viene accusato di molestie sessuali: il primo a parlare di accuse nei confronti di 'Rocky' e 'Rambo' fu il Daily Mail, che ottenne un rapporto della polizia di Las Vegas in cui si parlava di una sedicenne che denunciava di essere stata molestata sessualmente mentre Stallone stava girando un film alla fine degli anni '80, quando l'attore aveva 40 anni. Secondo il racconto della giovane, Stallone l'aveva intimidita proponendole rapporti sessuali con lui e con la sua guardia del corpo in un hotel di Sin City. Il Daily Mail scrisse anche che dopo l'episodio la ragazza fu costretta al silenzio a causa delle minacce ricevute sia da Stallone sia dalla guardia del corpo, entrambi sposati. Alla fine la giovane donna decise di non andare avanti con le accuse.

A novembre una donna ha denunciato di essere stata aggredita negli anni '90 dalla star, oggi 71enne. La procura si è rifiutata di fornire più dettagli sulle circostanze di questa presunta aggressione o di dire se i fatti siano caduti in prescrizione. 
A dicembre scorso l'avvocato di Stallone, Martin Singer, aveva dichiarato ai media americani che il suo cliente contestava "categoricamente l'accusa ed è chiaro che questa donna abbia fatto alla polizia una denuncia affinché la sua storia venisse pubblicata sui media". Il legale ha riconosciuto che l'attore aveva avuto una relazione con la presunta vittima durante delle riprese in Israele nel 1987, quando era single, e ha precisato che l'attore aveva in programma di presentare una denuncia per falsa dichiarazione alla polizia.
Le accuse sono giunte sulla scia del movimento #MeToo, che ha acceso i riflettori dell'attenzione pubblica nel mondo sulle violenze sessuali a Hollywood e anche in altri settori. Il movimento #MeToo è sorto sull'onda delle accuse contro l'ex produttore di Hollywood Harvey Weinstein, accusato di stupro. Da allora centinaia di uomini celebri e potenti sono stati a loro volta oggetto di accuse che vanno da molestie sessuali a stupro. Fra loro l'attore Kevin Spacey e il giornalista Charlie Rose.