Giovedì 20 Giugno 2024

Rischio nucleare, la guida dell'Oms. "Ecco cosa serve nelle emergenze"

L'Organizzazione mondiale della sanità aggiorna l'elenco dei medicinali salvavita e dà consigli agli Stati. L'elenco

Roma, 28 gennaio 2023 - Oms e rischio nucleare: l’Organizzazione mondiale della sanità ha aggiornato l’elenco di medicinali che dovrebbero essere immagazzinati per le emergenze radiologiche e nucleari, insieme a consigli politici per la loro gestione appropriata.

Approfondisci:

L’oligarca Solovyov minaccia (ancora): “I polacchi sono i prossimi. Distruggeremo le città, useremo l’atomica”

L’oligarca Solovyov minaccia (ancora): “I polacchi sono i prossimi. Distruggeremo le città, useremo l’atomica”

Putin e il vertice sull'Oceano Artico: le mire dello zar e le tensioni sul tetto del mondo

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Oms
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Oms

"Come sopravvivere nell'emergenza nucleare"

Queste scorte includono medicinali che prevengono o riducono l’esposizione alle radiazioni o curano le lesioni una volta che si sia verificata l’esposizione. "Nelle emergenze da radiazioni, le persone possono essere esposte a radiazioni a dosi che vanno da trascurabili a pericolose per la vita. I governi devono rendere disponibili i trattamenti per chi ne ha bisogno, in tempi rapidi - ha dichiarato Maria Neira dell’Oms -. È essenziale che i governi siano preparati a proteggere la salute delle popolazioni e a rispondere immediatamente alle emergenze. Ciò include la disponibilità di scorte pronte di medicinali salvavita che ridurranno i rischi e cureranno le lesioni causate dalle radiazioni".

Ecco l'elenco dei medicinali

"Questa pubblicazione - scrive l'Oms - si concentra sui prodotti farmaceutici per il trattamento dell’esposizione alle radiazioni e affronta la governance e la gestione di tali scorte. Una tipica scorta di emergenza per le radiazioni includerà i seguenti medicinali: iodio stabile, somministrato per prevenire o ridurre l’esposizione della tiroide allo iodio radioattivo; agenti decorporanti della sabbia chelante (blu di Prussia, applicato per rimuovere il cesio radioattivo dal corpo e calcio-/zinco-DTPA usato per trattare la contaminazione interna); citochine, utilizzate per mitigare i danni al midollo osseo, in caso di sindrome acuta da radiazioni (ARS); altri medicinali usati per trattare il vomito, la diarrea e le infezioni". Chiarisce ancora l'Organizzazione mondiale della sanità: "I trattamenti e le contromisure emergenti discussi anche nel rapporto danno un’idea delle future contromisure mediche che potrebbero essere utilizzate per la gestione dei pazienti sovraesposti alle radiazioni. In particolare, gli studi che identificano nuovi percorsi cellulari e molecolari e modalità di somministrazione dei farmaci possono essere sfruttati per nuovi trattamenti e nuovi prodotti da utilizzare durante un’emergenza da radiazioni".

Gli scenari previsti

I potenziali scenari considerati nella pubblicazione includono emergenze radiologiche o nucleari presso centrali nucleari, strutture mediche o di ricerca o incidenti durante il trasporto di materiali radioattivi, nonché usi intenzionali di materiali radioattivi con intenti dolosi.

A questo link il comunicato dell'Oms