Giovedì 13 Giugno 2024

Prigozhin: “Rischiamo di perdere la Russia. Gente stanca di vedere i figli tornare nelle bare”

Il capo dei mercenari, intervistato da un blogger pro-Cremlino, non ha risparmiato critiche pesanti all’Operazione speciale e all’élite russa. “Bisogna riformare l’esercito sulla base Wagner” e “Shoigu inutile”

Roma, 24 magggio 2023 - "Ora rischiamo di perdere la Russia", parola di Yevgeny Prigozhin, capo dei mercenari russi Wagner. Come un fiume in piena lo "chef di Putin" (nomignolo che odia), intervistato dal blogger pro-Cremlino Konstantin Dolgov, ha elencato gli errori dell'Operazione speciale a partire dalla volontà di Mosca di smilitarizzare l'Ucraina, che ora invece è uno dei Paesi più armati al mondo. Ma il rischio è ben più alto, e Progozhin si riferisce ai russi, che vedono riportare i loro figli nelle bare di zinco mentre quelli dell'élite vanno a prendere il sole all'estero. Una situazione che può portare a disordini simili a quelli delle rivoluzioni del 1917. La soluzione per il leader dei Wagner? "... Dobbiamo imporre la legge marziale". Poi ha portato l'esempio del figlio del portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov: "è un tale str***o", ma a differenza dei figli di papà della nomenklatura russa: "ha servito nella Wagner".

Yevgeny Prigozhin intervistato da Konstantin Dolgov
Yevgeny Prigozhin intervistato da Konstantin Dolgov

Rischiamo di perdere la Russia

L'intervista di Evgeny Prigozhin, è stata ripresa da molti media russi, e in molti si staranno chiedendo che gioco fa? "Siamo in una condizione tale che potremmo perdere la Russia, questo è il problema principale ... Dobbiamo imporre la legge marziale". Per il capo dei Wagner, che a suon di perdite alla fine hanno conquistato Bakhmut, la controffensiva ucraina potrebbe spingere le forze russe indietro ai confini di prima del 2014, quindi perdendo anche la Crimea e le repubbliche di Donetsk e Luhansk. Le incursioni nell'oblast di Belgorod hanno mostrato che l'esercito russo "non era assolutamente pronto a resistere". "Molto probabilmente questo scenario non sarà positivo per la Russia, quindi dobbiamo prepararci a una guerra difficile", ha aggiunto definendosi ispirato dall'amor di patria e dalla fedeltà a Putin.

L'esercito ucraino uno dei più preparati

Prigozhin ha anche affermato di ritenere che l'Ucraina ora, dopo l'inizio dell'invasione russa, abbia uno degli eserciti più forti del mondo. I suoi Wagner hanno conquistato tutti i territori previsti nell'Ucraina orientale, ma i nemici sono "altamente organizzati e altamente addestrati", inoltre "possono gestire qualsiasi sistema militare con uguale successo, inclusi i sistemi sovietici e della NATO", ha aggiunto. Ed tutto conseguenza dell'Operazione speciale secondo il capo della milizia privata, "la guerra ha reso l'Ucraina la nazione più famosa del mondo. Paradossalmente, la Russia voleva smilitarizzare l'Ucraina, ma invece l'ha militarizzata con le migliori armi del mondo". Quindi ha spiegato: "Se l'Ucraina all'inizio dell'operazione speciale aveva 500 carri armati, ora ne ha cinquemila. Se allora erano in grado di mettere in campo 20 mila soldati, ora ne hanno 400 mila. Come abbiamo fatto? I due obiettivi chiave della guerra non solo sono falliti per la Russia, ma hanno funzionato al contrario".

I figli dell'élite e il cuoco di Putin

Secondo il capo dei mercenari, se la guerra durasse ancora molto, il popolo russo potrebbe stancarsi e ribellarsi. I figli dell'élite russa non sono partiti per la guerra, al massimo sono andati all’estero, mentre la gente comune ha visto i propri morire al fronte, e questo potrebbe portare a disordini simili a la rivoluzione. Prigozhin ha quindi contestato il soprannome di "chef di Putin", lo ha definito stupido perché non sa cucinare, e scherzando ha affermato che "macellaio di Putin" potrebbe essere un soprannome più appropriato.

La soluzione: l'esercito in formato Wagner

L'esercito russo, da quando è sotto il comando del ministro della Difesa Sergei Shoigu, si è degradato. Secondo Prigozhin è la conseguenza del "sistema di servilismo" costruito da Shoigu. L'unica soluzione, per evitare il tracollo dell'esercito russo, è riformarlo sulla base di Wagner, anche se è illegale dal punto di vista dell'attuale legislazione russa. Mikhail Misintsev, che sollevato dalla carica di viceministro della difesa per la logistica, dovrebbe prendersi a carico il ministero della Difesa. Mentre il capo di stato maggiore Valery Gerasimov, dovrebbe essere sostituito dall'ex comandante del gruppo congiunto delle forze in Ucraina Sergey Surovikin (Guarda caso Misintsev e Surovikin recentemente si sono uniti ai militanti di Wagner). "Amo la mia patria, obbedisco a Putin, Shoigu è inutile", ha sottolineato. "Ora siamo in uno stato in cui possiamo semplicemente fo**ere la Russia. Pertanto, dobbiamo introdurre la legge marziale, dobbiamo annunciare nuove ondate di mobilitazione, dobbiamo trasferire tutto il possibile alla produzione di munizioni. Dobbiamo smettere di ingrassare, smettere di costruire nuove strade, nuove infrastrutture e lavorare solo per la guerra".