New York, 24 gennaio 2018 - Il  ‘non’ della Casa Bianca è secco improvviso e imbarazzato. «Melania Trump non accompagnerà il presidente Trump a Davos per motivi organizzativi». In pochi ci credono. Forse in Svizzera non ci sono due stanze per loro o non vogliono farlo vedere. La first lady, super popolare ma con il volto triste, non si fa più vedere dopo l’ultimo scandalo della pornostar che avrebbe passato almeno una notte col marito nel 2006 quando lei aveva appena partorito Barron. Sarebbe però esplosa di fronte al pagamento di 130mila dollari per farla tacere.
 
Questa volta non sono ‘parole da spogliatoio’ come aveva faticosamente giustificato i nastri registrati dalla Nbc quando Trump sosteneva di poter fare con le donne tutto quello che voleva compreso baciarle e toccarle nelle parti intime «perché sono famoso…».

Melania non sembra intenzionata a concedere il bis e ha iniziato a mandare segnali inquivocabili di distacco. È vero, qualcuno dirà, che è andata col marito e col figlio a Mar a lago dopo l’esplosione dello scandalo due settimane fa ma è anche vero che non ha preso parte a nessuna delle cene di gala programmate nella ‘Casa Bianca d’Inverno’, lasciando il marito solo al tavolo.

Ma forse è la foto messa sul suo sito nell’anniversario dell’inaugurazione che la ritrae con un bellissimo ufficiale in alta uniforme e una didascalia che dice «è stato un anno pieno di momenti bellissimi» quella che assegna maggior ironia e cinismo nella valutazione di una coppia presidenziale che potrebbe essere già scoppiata.

Il fuoco dei pettegolezzi potrebbe farsi molto vivo anche sotto le nevi di Davos. Che lei e Donald dormissero in camere separate già da tempo si sapeva, ma qualcuno lo ha attribuito ad una maggior praticità del presidente abituato ad accendere la televisione e lanciare i suoi tweet all’alba.
Adesso la divisione sembra essere già stata messa in pratica in tutte le residenze presidenziali dalla Florida al Golf club del New Jersey.
Popolarissima con quasi il 49 per cento del gradimento degli americani, ammirata per la sua eleganza anche se non sempre troppo ricercata ma di facile impatto, rispettata profondamente per la sua grande discrezione e per essere rimasta al suo posto anche sotto la pioggia mentre Trump reggeva l’ombrello solo per se sulla scaletta dell’Air Force One, Melania sembra costruire adesso la sua «rivincita nel silenzio». 

MELANIA2_23014530_195105
 
Si parla molto più di lei quando non partecipa agli eventi pubblici. Ha già dimostrato anche nel viaggio in Israele e a Roma con una energica manata a Donald che non è pronta al compromesso e al perdono più di tanto.

TRUMP_22915312_184744

Del resto la foto con l’ufficiale gentiluomo può esser magari una svista della Casa Bianca che non ha messo il marito di fianco a lei, ma viene piuttosto vista come una scelta deliberata. La prossima , senza rimedi urgenti, potrebbe essere anche una separazione molto più drastica. Del resto Melania anche se ha firmato montagne di documenti prematrimoniali è già ricca. Ma soprattutto i diritti di un libro per raccontare quello che sa del presidente che garantirebbe una pensione d’oro e privilegi in qualsiasi parte del mondo.