Martedì 23 Aprile 2024

Mar Baltico, Eurofighter italiani in scramble: intercettati due aerei russi

In sole 24 ore i caccia dell'Aeronautica Militare italiana sono decollati due volte dalla base di Malbok, in Polonia, per controllare due velivoli russi in avvicinamento

Roma, 29 marzo 2024 - Doppio scramble per gli Eurofighter italiani in sole 24 ore. I nostri caccia hanno ricevuto l'ordine di decollo immediato per intercettare e identificare un aereo sconosciuto (o scramble), nelle ultime due mattinate.

Eurofighter Typhoon F-2000 dell'Aeronautica Militare italiana
Eurofighter Typhoon F-2000 dell'Aeronautica Militare italiana

Doppio scramble

Gli Eurofighter Typhoon F-2000 dell'Aeronautica Militare italiana della Task Force 4th Wing, hanno preso il volo in tutta fretta dalla base polacca di Malbork per intercettare sul Mar Baltico aerei russi sospetti in avvicinamento agli spazi aerei dei paesi Nato.

Entrambi gli allarmi per un velivolo non identificato in volo sulle acque internazionali del Mar Baltico, sono scattati su indicazione del centro di comando della Nato con sede in Germania a Uedem. I caccia italiani una volta raggiunti e identificati i velivoli russi, due Ilyushin Il-20 M da ricognizione, sono rientrati alla base.

Ilyushin Il-20 M russo da ricognizione
Ilyushin Il-20 M russo da ricognizione

Task force italiana in Polonia

La Task Force Air 4th Wing in forze base polacca di Malbork può contare su quattro velivoli Eurofighter F-2000 provenienti da quattro Stormi di difesa aerea dell'Aeronautica Militare: 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle, 37° Stormo di Trapani e 51° Stormo d'Istrana. Il contingente italiano, sotto la diretta dipendenza nazionale del Covi (Comando Operativo di Vertice Interforze), viene impiegato in Polonia in operazioni di enhanced Air Policing per la seconda volta.

Diretta Ucraina: bombe sulle centrali. Decollano i jet polacchi

Eurofighter Typhoon F-2000

L'Eurofighter Typhoon è un caccia multiruolo estremamente agile, studiato per ingaggi aria-aria contro gli aerei nemici, secondo solo a F-22 Raptor e al F-35 Lightning II. Il velivolo è dotato di sistemi attivi e passivi, che gli consentono di avere una capacità di attacco superiore, abile anche in missioni di attacco aria-superficie, può contare su diversi armamenti ed equipaggiamenti, tra cui due missili da crociera SCALP e 4 Brimstone della RAF. Attraverso il consorzio Euroradar, l'italiana Leonardo fornisce il radar CAPTOR-E a scansione elettronica (AESA - Active Electronically scanned Array) e sta sviluppando l’AESA ECRS Mk2, il più avanzato sistema radar riconfigurabile al mondo.

Sistema di tracciamento PIRATE 

Dotato del sistema di ricerca e tracciamento all’infrarosso PIRATE può rilevare e tracciare simultaneamente bersagli singoli o multipli in ampi campi di osservazione. Pedr difesa ha misure e contromisure elettroniche come il sistema di auto-protezione Praetorian DASS (Defensive Aids Sub-System) che consente al Typhoon di eludere e ingannare minacce aria-aria e terra-aria di missili sempre più evoluti. Inoltre l'F-200 garantisce decollo e intercettazione in pochi minuti, 24 ore su 24, 365 giorni all'anno.