Lunedì 20 Maggio 2024

Israele news. Attesa per la risposta di Hamas, che pubblica un video con 2 ostaggi. Bbc: “Truppe britanniche potrebbero operare a Gaza per gli aiuti”

Mentre l’Idf si prepara per l’operazione di terra a Rafah, sconsigliata da alleati e non, ma il governo israeliano è pronto a fermarla se i miliziani palestinesi accettassero la proposta di Tel Aviv. Polemica tra il capo di Stato Maggiore israeliano e il ministro Ben-Gvir: “Non uccidiamo chi si arrende”. Personale Usa in arrivo per il molo galleggiante

Roma, 27 aprile 2024 - Ormai tutto ruota attorno alla risposta di Hamas alla proposta israeliana sullo scambio ostaggi-prigionieri, che potrebbe evitare l'azione di terra a Rafah dell'esercito israeliano, pronto da giorni a far partire un'operazione militare pericolosa per i civili e sconsigliata da alleati e non, con il rischio di espandere ulteriormente il conflitto in tutta la regione. Intanto sono ripresi gli aiuti per Gaza, dopo una pausa seguita all'uccisione di sette operatori umanitari da parte di Israele. In arrivo da Cipro una nave britannica che ospiterà centinaia di membri del personale dell'esercito americano inviati per costruire il molo galleggiante che permetterà di accelerare la consegna di aiuti per l’enclave palestinese.

Sempre la Gran Bretagna sarà in prima linea per gli aiuti, infatti secondo la Bbc truppe britanniche potrebbero essere impegnate a Gaza per favorire la consegna dei rifornimenti che arriveranno al molo galleggiante quando sarà pronto.

Live

Keith Samuel Siegel, rapito in casa sua a Kfar Azza, nel video diffuso da Hamas
Keith Samuel Siegel, rapito in casa sua a Kfar Azza, nel video diffuso da Hamas
16:46
Katz conferma: "Se ci sarà accordo sospenderemo l'operazione a Rafah"

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz intervistato da News 12 ha confermato: "'Se si arriverà a un accordo'' tra Israele e Hamas per la liberazione degli ostaggi ancora nella Striscia di Gaza, le Forze di difesa israeliane (Idf) ''sospenderanno l'operazione prevista a Rafah''.

Rafah sotto assedio. Carri armati e blindati schierati al confine. Katz: "Se ci sarà accordo sospenderemo l'operazione militare"
Rafah sotto assedio. Carri armati e blindati schierati al confine. Katz: "Se ci sarà accordo sospenderemo l'operazione militare"
16:19
Parenti degli ostaggi dopo video Hamas: "Governo scelga tra gli ostaggi e Rafah"

Dopo la diffusione di un video con due ostaggi da parte di Hamas i parenti delle vittime sono sul piede di guerra: il governo israeliano deve scegliere tra gli ostaggi e la guerra. In una dichiarazione ai media le famiglie hanno sottolineato che la pressione militare, che secondo il governo avrebbe riportato a casa i loro cari, è fallita. "Lo stato di Israele deve scegliere: entrare a Rafah porterà altri ostaggi uccisi in prigionia, o la loro morte in guerra". 

Gli ostaggi nel video di Hamas: Keith Samuel Siegel, anche cittadino americano, e Omri Miran
Gli ostaggi nel video di Hamas: Keith Samuel Siegel, anche cittadino americano, e Omri Miran
16:04
Houthi: abbattuto drone

I ribelli Houthi hanno rivendicato di aver abbattuto un drone americano Predator MQ-9 Reaper sullo Yemen mostrando immagini di frammenti del drone. I miliziani yemeniti sostengono di averlo distrutto con un missile terra-aria. Mancano conferme da parte degli Stati Uniti, ma un funzionario anonimo alla Cbs News aveva riferito di un drone schiantatosi nel deserto dello Yemen. 

 

15:31
Haaretz: Hamas diffonde un video con due ostaggi

Su Haaretz la notizia che Hamas ha diffuso un video che mostra due ostaggi a Gaza. Sono Keith Samuel Siegel, che è anche cittadino americano, rapito in casa sua a Kfar Azza, e Omri Miran, sequestrato nel kibbutz Nahal Oz. 

 

15:03
Centcom: Houthi hanno lanciato tre missili verso due navi

Le milizie yemenite ribelli Houthi hanno sparato tre missili balistici antinave dallo Yemen verso due navi nel Mar Rosso, ne dà notizia il Centcom, il comando centrale degli Stati Uniti. Una nave è stata colpita ed ha riportato danni di lieve entità, non sono state segnalate vittime. 

Houthi colpiscono la petroliera 'Andromeda Star' nel Mar Rosso
Houthi colpiscono la petroliera 'Andromeda Star' nel Mar Rosso
14:28
Esponente Idf: "Per riportare la calma a nord Israele deve intensificare gli attacchi in Libano"

Secondo un alto esponente dell'Idf, intervistato dal Wall Street Journal e ripreso dai media israeliani, Israele se vuole riportare la calma al confine nord deve intensificare i suoi attacchi in Libano. "C'è una via d'uscita dalla situazione, ed è aumentare gli attacchi. Israele non può fermarsi adesso, è pericoloso per l'intera regione".

 

14:28
Attacco israeliano nel nord della Siria

Secondo i media vicini all'opposizione siriana, ripresi da Haaretz, Israele avrebbe colpito nell'area di Tel Hader vicino alla città di Daraa nel nord della Siria. Il raid è stato una risposta al lancio di un razzo contro le Alture del Golan.

14:05
Nella notte raid israeliano su Rafah e sul campo profughi di Nuseirat

Al Jazeera rilancia la notizia dei raid notturni dei caccia israeliani su Rafah e sul campo profughi di Nuseirat, nella Striscia di Gaza, che hanno provocato la morte di almeno 15 persone.

13:35
Iran ha rilasciato tutto l'equipaggio della nave sequestrata

L'Iran ha rilasciato i 25 membri dell'equipaggio della nave portacontainer 'Ariel' di Msc battente bandiera portoghese sequestrata il 13 aprile dai Guardiani della Rivoluzione nello Stretto di Hormuz perché sospettata di avere collegamenti con Israele. 

13:19
Aviazione israeliana: colpiti in 24 ore 25 obiettivi

Il portavoce dell'aviazione israeliana ha riferito che sono stati colpiti nelle ultime 24 ore circa "25 obiettivi terroristici" nella Striscia di Gaza. Colpita "una postazione di lancio di razzi usata per attacchi precedenti nella città di Ashdod", e un'altra la notte scorsa a Khan Yunis.

13:19
Capo di Stato Maggiore Israele: "A Gaza si stanno arrendendo centinaia di terroristi"

Herzi Halevi, capo di stato maggiore israeliano, ha testimoniato davanti al gabinetto di sicurezza che centinaia di terroristi si stanno arrendendo a Gaza. Il ministro della Sicurezza nazionale, Itamar Ben Gvir provocatoriamente ha chiesto: "Non avremmo potuto ucciderne qualcuno?", rirtano tutti i media israeliani. Ma Halevi ha risposto: "Non spariamo a chi si arrende, non c'è alcun dubbio". Quindi il ministro dell'Agricoltura, Avi Dichter, ha attaccato Ben-Gvir: "Non sono sicuro che lei sia un ministro di Israele o di un altro Paese".

Herzi Halevi, capo di stato maggiore israeliano
Herzi Halevi, capo di stato maggiore israeliano

 

13:18
Una bambina è morta a Rafah per l'ondata di caldo

Il caldo estremo che sta avvolgendo Rafah sotto assedio ha ucciso una bambina. Le temperature elevate stanno aggravando la già difficile crisi igienico-sanitaria degli oltre 1,7 milioni di sfollati privi di alloggi e di beni di prima necessità, fa sapere l'Onu. 

Un campo profughi temporaneo a Rafah
Un campo profughi temporaneo a Rafah