Lunedì 15 Aprile 2024

Cos’è l’Isis-K che ha rivendicato l’attentato nella sala concerti di Mosca

Gli Stati Uniti avevano avvertito la Russia di un possibile attentato da parte dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante

Attentato nella sala concerti Crocus City Hall a Mosca (Ansa)

epa11237759 Russian policemen guard near the burned Crocus City Hall concert venue following a shooting in Krasnogorsk, outside Moscow, Russia, 22 March 2024. A group of up to five gunmen has attacked the Crocus City Hall in the Moscow region, Russian emergency services said. At least 40 people were killed and more that 100 injured in the terrorist attack, the Russian intelligence service FSB said. EPA/MAXIM SHIPENKOV

Roma, 23 marzo 2024 – Gli Stati Uniti hanno ricordato come a inizio marzo avessero avvertito la Russia del rischio di attacchi da parte dell'Isis-Khorasan, lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante. Una frangia dello stesso Stato Islamico che ora rivendica la strage nella sala concerti Crocus City Hall di Mosca. Ma cosa si intende per Isis-K? 

Conosciuto anche come Wilayat Khorasan, il gruppo è la branca afghana dell'Isis apparsa per la prima volta nel 2014. Il nome Khorasan si traduce in ‘La terra del sole’, e secondo il Centro per gli studi strategici e internazionali, si riferisce a una regione storica che comprende parti dell'Iran, Afghanistan e Pakistan. Sulla base di questa visione, si pone come obiettivo la fondazione di un nuovo califfato che riunisca questi tre Paesi, ma anche alcune ex repubbliche sovietiche, come il Turkmenistan, il Tagikistan e l'Uzbekistan. Una chiara minaccia per la Russia, che non dimentica le ribellioni islamiste nel Caucaso settentrionale, in particolare in Daghestan e in Cecenia con le due guerre degli anni '90 e una lunga serie di sanguinosi attentati che fecero stragi di civili in varie città russe, compresa la capitale. Oggi è Sanaullah Ghafari, alias Shahab al-Muhajir, il leader del gruppo: secondo il Dipartimento di Stato Usa, l'emiro è stato nominato nel giugno 2020. E sotto la sua guida, come altri gruppi terroristici l'Isis-K prende di mira le forze statunitensi, i loro alleati e i civili. Ma a differenza di altre organizzazioni, l'Isis-K ha combattuto apertamente anche contro altre organizzazioni islamiche estremiste, come i talebani: sono loro i responsabili dell'attentato suicida all'aeroporto di Kabul del 26 agosto 2021. Ed era pronta ad attivarsi anche contro le comunità ebraiche come vendetta per le operazioni israeliane a Gaza: solo due settimane fa, i servizi d'intelligence russi hanno rivendicato di aver eliminato una cellula dell'Isis che pianificava un attacco contro una sinagoga proprio a Mosca.