Domenica 14 Luglio 2024

Impeachment per Biden: il Congresso autorizza l’indagine verso il presidente per i controversi affari del figlio Hunter

Nuovo grattacapo per la Casa Bianca alla vigilia dell’anno elettorale. Per i repubblicani si controbilanciano i processi di Trump

Roma, 14 dicembre 2023 – Joe Biden finisce sotto impeachment. Il Congresso degli Stati Uniti ha autorizzato l'indagine verso il presidente Usa, una procedura motivata dai controversi affari all’estero del figlio di Biden, Hunter, e ritenuta completamente infondata dai democratici. Questa procedura non ha praticamente alcuna possibilità di successo, ma potrebbe trasformarsi in un grattacapo per la Casa Bianca prima delle elezioni presidenziali del novembre 2024, alle quali Joe Biden è ricandidato. Subito è arrivato il commento del presidente: “I repubblicani perdono tempo in acrobazie politiche senza fondamento”.

Joe Biden
Joe Biden

La giornata a Capitol Hill

Alla vigilia dell'anno elettorale, i repubblicani aumentano la pressione sulla famiglia Biden votando alla Camera una risoluzione per formalizzare la loro inchiesta d'impeachment contro il presidente e convocando il figlio Hunter per una testimonianza a porte chiuse. Ma la giornata inizia subito con una sorpresa: poche ore prima del voto, il "first son” si presenta sulla gradinata di Capitol Hill e improvvisa una conferenza stampa dicendosi pronto a deporre solo pubblicamente, difendendo il padre e attaccando frontalmente i repubblicani. “Per sei anni sono stato il bersaglio dell'implacabile macchina d'attacco di Trump che gridava “Dov'è Hunter?”. Bene, ecco la mia risposta, sono qui”, ha esordito, contestando ai repubblicani di “non volere un processo aperto dove gli americani possano vedere le loro tattiche, svelare la loro inchiesta infondata o sentire cosa ho da dire”. Il suo timore è che possano “manipolare” la deposizione facendo trapelare le sue dichiarazioni in modo decontestualizzato.

Hunter Biden, mio padre mai coinvolto nelle mie attività
Hunter Biden, mio padre mai coinvolto nelle mie attività

Hunter Biden: “Mio padre non è coinvolto”

Quindi Hunter Biden è andato al cuore della faccenda: “lasciatemi affermare nel modo più chiaro possibile che mio padre non è coinvolto finanziariamente nelle mie attività, né quando ero un avvocato né quando ero membro del cda di Burisma (società energetica ucraina) né nella mia partnership con un uomo d'affari privato cinese né nei miei investimenti in Usa o all'estero, e certamente non nella mia veste di artista”. Infine ha ammesso i propri fallimenti personali e professionali ma ha precisato che non sono motivo per un impeachment, accusando i repubblicani di aver “ridicolizzato la mia lotta contro la tossicodipendenza, denigrato la mia guarigione e cercato di disumanizzarmi, il tutto per mettere in imbarazzo e danneggiare mio padre” e “trasformare in tenebre la luce del suo amore per me”.

James Comer: “Si tratta di corruzione pubblica”

"Si tratta di corruzione pubblica ai massimi livelli, ci sono prove serie”, gli ha risposto James Comer, presidente della commissione di sorveglianza della Camera, una delle tre che da un anno indaga su di lui e sul padre. “Non è il figlio del presidente a stabilire le regole”, ha aggiunto, definendo “inaccettabile” il suo rifiuto di deporre a porte chiuse e minacciando una denuncia per oltraggio al Congresso. La difesa di Hunter ritiene che la citazione non sia valida perché l'inchiesta di impeachment non è mai stata formalizzata in aula. Ed è anche per questo che i repubblicani l'hanno messa ai voti, anche se finora non hanno scoperto alcuna “smoking gun”, una pistola fumante per accusare il presidente legandolo ai controversi affari all'estero del figlio. L'obiettivo però è tenerlo alle corde per tutta la campagna elettorale con un'inchiesta che farà da contraltare ai processi di Donald Trump. E comprometterne politicamente la credibilità proiettando l'immagine di un presidente che non avrebbe detto sempre la verità e che comunque - quando era vicepresidente - avrebbe spalleggiato direttamente o indirettamente il figlio nel suo business.

Joe Biden: “Sempre estraneo agli affari di mio figlio”

"Sono sempre rimasto estraneo agli affari di mio figlio e lui non ha mai fatto nulla di male”, ha detto in passato il presidente Usa, prima che il procuratore speciale David Weiss incriminasse Hunter due volte, per il possesso illegale di una pistola e per aver evaso milioni di dollari di tasse spendendo invece somme astronomiche per escort, strip club, droga, abiti e auto di lusso. Accuse imbarazzanti per un presidente che ha fatto della stretta sulle armi e della lotta all'evasione fiscale due priorità della sua agenda.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui