Guerra in Ucraina, Nyt: “Putin manda segnali di apertura al cessate il fuoco”

A riportarlo è il quotidiano americano, citando fonti bene informate, e spiegando che il leader del Cremlino avrebbe fatto veicolare le sue intenzioni tramite canali non ufficiali

Mosca, 23 dicembre 2023 – Nell’autunno del 2022 Vladimir Putin aveva ventilato un cessate il fuoco. Ora a un anno di distanza lo zar avrebbe lanciato nuovi segnali di apertura: una svolta nella guerra in Ucraina. Il presidente russo, infatti, avrebbe "segnalato silenziosamente", attraverso intermediari, almeno dallo scorso mese di settembre, di “essere aperto a un cessate il fuoco in Ucraina che congeli i combattimenti lungo le linee attuali, che sarebbero comunque molto al di sotto delle sue reali ambizioni di dominare il Paese”. A riportarlo è il New York Times, citando fonti bene informate, e spiegando che il leader del Cremlino avrebbe fatto veicolare le sue intenzioni tramite canali non ufficiali.

Il presidente russo Vladimir Putin (Ansa)
Il presidente russo Vladimir Putin (Ansa)

I precedenti

Nel 2022, riferisce il Nyt, Putin avrebbe segnalato un’apertura poiché la Russia si riteneva soddisfatta del territorio conquistato e perciò pronta a un armistizio. Ma quella notizia naufragò in un nulla di fatto. Sarà arrivato il momento giusto? E perché proprio a questo punto della guerra? "L'interesse ripetuto di Putin per un cessate il fuoco rappresenta un esempio dell'opportunismo e dell'improvvisazione che hanno definito il suo approccio alla guerra dietro le quinte", si legge ancora sul Nyt, che fa riferimento in particolare a un presidente russo che starebbe facendo di tutto “per ridurre i rischi e mantenere le opzioni aperte per una guerra la cui durata avrebbe superato le sue attese”. "Pur usando un'impetuosa retorica pubblica, Putin – aggiunge il quotidiano americano – ha telegrafato privatamente il desiderio di dichiarare vittoria e voltare pagina".

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui