Gaza e il fungo killer. Media: ha ucciso un soldato israeliano e ha contagiato un’altra decina di militari

Allarme delle autorità sanitarie: le ferite (soprattutto agli arti) e quelle infezioni incurabili. Che cosa sappiamo sulle cause

Roma, 26 dicembre 2023 – L'ultimo allarme sulla guerra in Medio Oriente e sui famigerati tunnel di Gaza porta a un fungo killer che, riferiscono i media, avrebbe ucciso un soldato israeliano e ne avrebbe contagiati un’altra decina. Ecco che cosa sappiamo.  

Approfondisci:

Israele, Erdogan paragona Netanyahu a Hitler. L’Iran a Israele: “Se attaccati raderemo al suolo Tel Aviv”. Gantz al Libano: “Fermate Hezbollah o ci pensiamo noi”

Israele, Erdogan paragona Netanyahu a Hitler. L’Iran a Israele: “Se attaccati raderemo al suolo Tel Aviv”. Gantz al Libano: “Fermate Hezbollah o ci pensiamo noi”

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

“Soldato israeliano ucciso da un fungo nei tunnel di Gaza”

Il soldato israeliano morto era stato ricoverato all’Assuta Ashdod Medical Center due settimane fa con gravi ferite agli arti. Ma il fungo si è rivelato resistente ad ogni trattamento. Secondo la testimonianza di un sanitario a radio Kan, sarebbero una decina i soldati infettati dallo stesso fungo.

Stando ai primi accertamenti, la fonte di contagio sarebbe il terreno di Gaza, contaminato dai rifiuti organici.

Guerra a Gaza: l'ultimo allarme su un fungo killer che, secondo i media, avrebbe ucciso un soldato israeliano e ne avrebbe contagiati un'altra decina
Guerra a Gaza: l'ultimo allarme su un fungo killer che, secondo i media, avrebbe ucciso un soldato israeliano e ne avrebbe contagiati un'altra decina

Autorità sanitarie in allerta

Da giorni le autorità sanitarie israeliane sono in allarme per questi casi. Già previsto un vertice urgente tra la Società israeliana per le malattie infettive, gli esperti epidemiologici dell’IDF e del Ministero della Sanità.   I media internazionali già da una settimana raccontano il fenomeno delle infezioni per ora sconosciute e non curabili.

Gli esperti hanno dichiarato di aver trovato agenti patogeni resistenti ai farmaci, soprattutto nelle lesioni agli arti. Funghi ma anche batteri. Naturalmente questo scenario richiama le allerte lanciate dall’Oms fin da novembre sui crescenti rischi di epidemie a Gaza per le condizioni igieniche proibitive che con la guerra si sono create nella Striscia.