Francia, auto travolge agricoltori in protesta: una contadina resta uccisa

La procura ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. Nella vettura tre armeni che erano stati espulsi

Parigi, 23 gennaio 2024 - Incidente mortale durante le proteste degli agricoltori nell’Ariège, nel sudovest della Francia. Una donna è stata investita e uccisa mentre manifestava con la famiglia. La figlia 14enne della vittima e il marito sono rimasti gravemente feriti.

La procura ha aperto un’indagine per “omicidio colposo aggravato” e ‘’lesioni aggravate’’. Lo ha annunciato il procuratore di Foix, Olivier Mouysset, in un comunicato stampa.

Approfondisci:

Agricoltori, chi sono i leader della protesta e perché c’entrano i Forconi. Danilo Calvani: “Un patto con i contadini francesi”

Agricoltori, chi sono i leader della protesta e perché c’entrano i Forconi. Danilo Calvani: “Un patto con i contadini francesi”

Chi era la vittima

Alexandra, contadina di una trentina d’anni, è stata travolta da una macchina lanciata a tutta velocità’ contro un posto di blocco di protesta dei contadini nella regione dell’Arie’ge. “Il dramma di Pamiers ci sconvolge tutti. Penso commosso alle vittime e ai loro cari in lutto”, ha scritto il presidente Macron su X.

Proteste degli agricoltori in Francia
Proteste degli agricoltori in Francia

Il procuratore ha spiegato che l’auto che ha investito la donna stava viaggiando su una strada a doppia carreggiata quando ha urtato “un muro di balle di paglia, eretto fino al ponte”. Dietro questo muro di paglia “i manifestanti stavano mangiando’’, ha aggiunto. La Procura precisa che il conducente del veicolo, 44 anni e non noto alle forze dell’ordine, è risultato negativo all’alcol e alla droga. La procura precisa anche che “in base ai primissimi elementi dell’indagine, i fatti in questione non sembrano essere intenzionali’’.

Ricoverati in terapia intensiva la figlia 14enne e il marito della vittima. L’incidente è avvenuto questa mattina alle 5:45 a Pamiers.

Perché protestano gli agricoltori

Gli agricoltori francesi manifestano in tutto il Paese da alcuni giorni per chiedere semplificazioni amministrative e indennizzi più veloci in caso di calamità naturali.  Gli agricoltori si lamentano di essere sommersi dalla burocrazia e di aver visto ridursi il loro livello di vita. Fra le loro rivendicazioni principali, semplificazioni amministrative, niente nuovi divieti sui pesticidi, stop agli aumenti del prezzo del gasolio per i trattori e i veicoli agricoli, indennizzi immediati per le calamità naturali e piena applicazione della legge per una migliore retribuzione dei lavoratori agricoli da parte di industriali e grandi distributori.

Una protesta allargata

Il premier Attal ha promesso di “facilitare la vita” dei lavoratori del settore ma il governo teme un’escalation della protesta viste anche le iniziative analoghe a quelle francesi che si registrano in Olanda, in Romania, in Germania o in Polonia, spesso dirette contro l’aumento delle tasse e il “Patto verde” europeo.

Chi sono i fermati

I tre sospettati, arrestati dopo lo scontro, erano sottoposti a provvedimento di espulsione, ha appreso Le Figaro da una fonte vicina alle indagini, confermando un’informazione di Le Parisien. Tutti e tre armeni avevano presentato domanda di asilo in Francia ma la richiesta era stata respinta. I sospettati avevano presentato ricorso ma nel 2023 la decisione era stata confermata ed era stato avviato il procedimento di allontanamento. “Tuttavia” non erano noti per reati di disturbo all’ordine pubblico, precisa la fonte vicina alle indagini.