Venerdì 19 Aprile 2024

Reza Zahedi, chi era il comandante pasdaran ucciso nel raid israeliano a Damasco

Una delle perdite più significative per l’Iran che minaccia Israele: “Risposta dura”. E testa di ponte tra la Siria e gli Hezbollah

Roma, 1 aprile 2024 – Chi era il comandante pasdaran ucciso nel raid israeliano su Damasco? Si chiamava Mohamad Reza Zahedi, 63 anni, e per l’Iran è una delle perdite più significative tanto da minacciare Israele affermando che “la risposta” sarà “dura”. Le vittime del raid al momento sarebbero circa 11, tra cui il suo vice Mohammad Hadi Rahimi. Ma perché Reza Zahedi era così fondamentale per lo Stato Islamico? 

Raid a Damasco (Ansa)
Raid a Damasco (Ansa)

Intanto, era il leader più anziano del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (Irgs) e il più importante, secondo alcuni analisti, a perdere la vita in un attacco dopo l’uccisione di Qassem Soleimani in Iraq nel gennaio del 2020 da parte degli Stati Uniti. 

Zahedi, conosciuto anche con altri nomi (Reza Mahdavi, Hassan Mahdavi o Alireza Zahedi), ricopriva l'incarico di comandante di alto livello del Corpo delle Guardie Irgs, ed era una figura di spicco nella Forza Quds d'élite, l'unità specializzata nell'intelligence militare all'estero.

Aveva alla sua guida circa 4mila pasdaran iraniani impegnati a sostenere l'esercito del presidente siriano Bashar Al Assad. Zahedi era anche la testa di ponte tra la Siria ed Hezbollah, permettendo al movimento libanese di ricevere tra l'altro anche forniture di armi.

Prima del suo approdo in Siria ha ricoperto durante gli anni 80 un ruolo determinante di comando dell'esercito nel corso della guerra che contrappose il suo Paese all'Iraq. Il sito Iran Watch scrive che il suo nome compare nell'elenco delle sanzioni Onu come persona legata al Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica dell'Iran. Anche l'Unione europea si è interessata a questa figura chiave della politica iraniana inserendolo nell'elenco dell'Ue il 20 aprile del 2007 come persona collegata al Corpo Irgc. Zahedi è stato anche sanzionato dai governi di Australia, Canada e Regno Unito, che ne hanno limitato le transazioni commerciali e finanziarie e congelato i suoi beni proprio in quei Paesi.