Sabato 15 Giugno 2024

Partigiani bielorussi distruggono aereo radar russo, 007 Gb: "Perdita importante"

Il velivolo danneggiato sarebbe un Beriev-50, di cui adesso rimarrebbero solo 6 a disposizione delle forze russe. Nella stessa base militare sono stazionati anche i caccia Mig-31

Minsk, 28 febbraio 2023 - Un gruppo di partigiani bielorussi avrebbe danneggiato un aereo radar russo domenica scorsa. Sebbene a oggi la notizia non sia stata confermata da fonti indipendenti, sia i blogger militari russi che quelli bielorussi hanno segnalato esplosioni all'aeroporto di Machulishchi, vicino a Minsk, dove il velivolo era stazionato. Se le dichiarazioni dei partigiani sono vere, la perdita per l'esercito russo è significativa e limita ulteriormente le operazioni aeree delle forze di Mosca, riferisce il report quotidiano dell'intelligence britannica. In più, l'attacco è particolarmente preoccupante perché in questa stessa base si trovano anche i caccia Mig-31, in grado di trasportare missili ipersonici a capacità nucleare.

La guerra dei droni, stock russo agli sgoccioli? I timori sulle mosse della Cina

Vladimir Solovyev, anchorman amico di Putin, attacca di nuovo l'Italia. Ecco cosa ha detto

L'aeroporto militare di Machulishchi (Google Maps)
L'aeroporto militare di Machulishchi (Google Maps)

A rivendicare il blitz è Bypol, gruppo anti-Lukashenko formato da ex membri delle forze armate bielorusse. La loro missione, espressa sul sito dell'organizzazione, è ripristinare la democrazia in Bielorussia sotto la guida della leader dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya. "Due bielorussi hanno condotto l'operazione con l'aiuto di droni", ha spiegato su Twitter il consigliere di Tikhanovskaya, Franak Viacorka. "Hanno già lasciato il paese e sono al sicuro", ha aggiunto. Secondo Viacorka, il costo dell'aereo radar distrutto ammonta a 330 milioni di euro: metà di quello dell'incrociatore Moskva, affondata dall'esercito ucraino nell'aprile dell'anno scorso. "Sono passati due giorni", ha scritto ieri, "e zero reazioni da Lukashenko o Mosca. Ma c'è un'ondata di arresti e i controlli ai confini sono stati rafforzati". 

L'aereo radar in questione sarebbe un Beriev-50, nome in codice Nato Mainstay. È una versione da ricognizione degli Ilyushin da trasporto, entrata in servizio a metà degli anni Ottanta. Questo tipo di aereo è in grado di individuare dove e quando vengono attivate difese antiaeree, permettendo alle forze russe di colpirle. Inoltre, il Beriev può individuare aerei, navi e missili in arrivo da lunghe distanze, oltre a sorvegliare il campo di battaglia. Dei 40 costruiti, 9 sono ancora operativi, di cui - secondo gli 007 inglesi - ora rimarrebbero in servizio solo 6 in Russia. L'unico altro utilizzatore di questo tipo di aereo è l'India. 

Ucraina: "La Russia perde 400-500 soldati al giorno". L'ipotesi di una nuova mobilitazione