Lunedì 20 Maggio 2024

L’Ue adotta il nuovo regolamento per ridurre le emissioni dei mezzi pesanti, ma l’Italia vota contro

Tir e autobus dovranno progressivamente ridurre drasticamente le emissioni di Co2 entro il 2040

Bruxelles, 13 maggio 2024 – L’Unione europea ha adottato il nuovo regolamento per la riduzione delle emissioni dei mezzi pesanti (camion, autobus...), ma ancora una volta l’Italia (era già successo per la normativa Case green) ha votato contro a un provvedimento in materia di impatto ambientale. L'Italia ha infatti votato contro il via libera definitivo del Consiglio Ue al regolamento sul taglio delle emissioni dei mezzi pesanti (obiettivo -90% dal 2040 per i Tir; autobus urbani nuovi a zero emissioni dal 2035). Si sono espressi contro anche Polonia e Slovacchia. La Repubblica Ceca si è invece astenuta.

Tir in coda sull'autostrada
Tir in coda sull'autostrada

Dopo le norme che prevedono lo stop alla produzione dei motori endotermici entro il 2035, l Consiglio dell'Ue ha adottato formalmente il regolamento sulle norme sulle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti, modificando e rafforzando le norme Ue esistenti. Le norme aggiornate ridurranno ulteriormente le emissioni di CO2 derivanti dal trasporto stradale e introdurranno nuovi obiettivi per il 2030, 2035 e 2040.

Nel dettaglio, secondo le nuove norme, il campo di applicazione del regolamento esistente sarà ampliato per rendere quasi tutti i nuovi veicoli pesanti con emissioni di CO2 certificate – compresi camion più piccoli, autobus urbani, pullman e rimorchi – soggetti a obiettivi di riduzione delle emissioni.

Le nuove norme mantengono l'obiettivo esistente per il 2025 attualmente fissato a una riduzione delle emissioni del 15% per i camion pesanti di peso superiore a 16 tonnellate. Il regolamento stabilisce inoltre nuovi target: una riduzione delle emissioni del 45% dal 2030 (in aumento rispetto al 30%); una riduzione delle emissioni del 65% a partire dal 2035; una riduzione delle emissioni del 90% a partire dal 2040.

Questi obiettivi si applicheranno agli autocarri medi, agli autocarri pesanti di peso superiore a 7,5 tonnellate e agli autobus, nonché ai corrispondenti veicoli professionali dal 2035 in poi.

Le nuove norme introducono un obiettivo del 100% di emissioni zero per i nuovi autobus urbani entro il 2035, con un obiettivo intermedio del 90% per la categoria entro il 2030. Gli autobus interurbani saranno esentati da questo obiettivo, in quanto saranno considerati autobus ai fini della misurazione della riduzione delle emissioni.

Approfondisci:

Case green, quanto costa e che lavori fare per migliorare l’efficienza energetica degli edifici

Case green, quanto costa e che lavori fare per migliorare l’efficienza energetica degli edifici

Il regolamento sarà ora firmato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue. Entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione. L'efficacia e l'impatto del regolamento modificato saranno riesaminati dalla Commissione nel 2027. Tra le altre cose, la Commissione dovrà anche valutare la possibilità di sviluppare una metodologia comune per la valutazione e la rendicontazione delle emissioni di CO2 dell'intero ciclo di vita dei nuovi veicoli pesanti.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro