Lunedì 20 Maggio 2024

Leonardo in pista per una mobilità più smart ed ecologica

TRASPORTI sicuri, sostenibili e connessi: è questa, da anni ormai, una delle priorità dell’Unione Europea, ribadita dal NextGenerationEU. Il settore costituisce infatti una colonna portante dell’integrazione europea, contribuisce in misura fondamentale all’economia ed è essenziale per la libera circolazione di persone, beni e servizi. Soprattutto, una mobilità sostenibile è essenziale per realizzare gli obiettivi energetici e climatici della Ue e avere città più smart. E infrastrutture e mobilità costituiscono una delle sei missioni del Pnrr ma, contando anche le risorse provenienti dalle altre missioni, ammontano a quasi 62 miliardi di euro gli interventi sulla mobilità e sulla logistica sostenibili contenuti nel Piano. Un ambito prioritario di intervento è sicuramente il trasporto pubblico, di superficie, metropolitano e su rotaia. Modernizzare le flotte con mezzi ecologici, sempre interconnessi e affidabili è uno degli aspetti chiave, così come realizzare stazioni e fermate smart, digitalizzate e sicure, linee monitorate in tempo reale, centrali operative intelligenti. Obiettivo: ridurre le emissioni inquinanti, garantire un servizio efficiente, affidabile e ben pianificato che offra una valida alternativa ai mezzi di trasporto privati.

In questo contesto emerge sempre più anche il concetto di Mobility-as-a-Service: rendere possibile al cittadino l’utilizzo integrato di tutti i mezzi di trasporto disponibili in modo semplice ed economicamente vantaggioso, con un’unica app che permetta di pianificare, prenotare, pagare. Molte amministrazioni e aziende di trasporto italiane e internazionali hanno scelto Leonardo come partner tecnologico in diversi progetti di transizione verso una mobilità più smart e più ecologica. Uno degli esempi più recenti è Autolinee Toscane (filiale italiana della francese RATP Dev, uno dei principali operatori di trasporto al mondo, con 1,5 miliardi di viaggiatori), che sarà affiancata da Leonardo per integrare, monitorare e gestire le oltre 950 linee del trasporto pubblico su gomma della Toscana, distribuite su 24mila km di rete e percorse da 2.600 bus che nei loro tragitti passano per un totale di 37mila fermate.

Un progetto ambizioso, che prevede l’evoluzione in chiave smart dei sistemi esistenti come i software per la pianificazione del servizio, la bigliettazione centrale, le validatrici di bordo, i display di fermata e di bordo e il sistema di info-utenza. Genova, Milano, Roma, Cophenagen, Ryhad, Buenos Aires, Lima, Bangkok e Singapore sono solo alcune delle altre città che si avvalgono delle tecnologie dell’azienda guidata da Alessandro Profumo. Leonardo ha infatti dalla sua una fra le più grandi reti Digital Mobile Radio implementate per il trasporto pubblico in Europa, con 160 base station e 4.000 modem; 35mila autobus monitorati da una sola centrale AVM (Automatic Vehicle Monitoring), oltre 8.000 apparati di bordo, installati su treni, autobus e metropolitane in tutto il mondo. Sono questi i numeri raggiunti grazie all‘esperienza di Leonardo e alle soluzioni per le centrali operative, le infrastrutture e i mezzi di trasporto. Senza mai dimenticare la cyber security, ambito in cui la società può contare sull’esperienza maturata proteggendo oltre 7.000 reti e 100.000 utenti in 130 Paesi. Solo in Italia, vengono monitorati circa 115.000 eventi di sicurezza al secondo e gestiti oltre 1.800 allarmi al giorno.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro