Venerdì 21 Giugno 2024
MONICA PIERACCINI
Economia

Rottamazione cartelle, quando e come pagare la quarta rata

La scadenza ultima è il 5 giugno 2024, poi si perdono i benefici della definizione agevolata

Roma, 28 maggio 2024 –  Si avvicina la scadenza della quarta rata per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle. I contribuenti in regola con i pagamenti precedenti devono infatti versare quanto dovuto all’Agenzia delle entrate-Riscossione entro venerdì 31 maggio 2024. La scadenza riguarda anche i soggetti colpiti dagli eventi alluvionali di maggio 2023 che devono effettuare il versamento della terza rata, in base allo specifico calendario che è stato definito per le zone interessate. La Rottamazione-quater dei carichi affidati alla riscossione dal 1 gennaio 2000 al 30 giugno 2022, introdotta dalla legge di bilancio 2023, consente ai contribuenti di versare solo l’importo del debito residuo senza corrispondere le sanzioni, gli interessi, compresi quelli di mora, e l’aggio, mentre le multe stradali possono essere definite senza il pagamento degli interessi e dell’aggio.

Ultimi giorni per pagare la quarta rata della rottamazione delle cartelle
Ultimi giorni per pagare la quarta rata della rottamazione delle cartelle

Ultima scadenza il 5 giugno 2024

Per ciascuna rata la legge prevede la possibilità di avvalersi di ulteriori cinque giorni di tolleranza rispetto al termine previsto. Per questo il pagamento della rata in scadenza il 31 maggio sarà considerato tempestivo anche se effettuato entro il 5 giugno 2024. Chi invece andrà oltre quella data o pagherà una cifra inferiore rispetto a quella prevista perderà i benefici della definizione agevolata e quanto versato sarà considerato un acconto sul debito residuo. 

Come pagare 

Per pagare la quarta rata, come le precedenti, vanno utilizzati i moduli allegati alla comunicazione delle somme dovute, già inviata dall’Agenzia delle entrate-Riscossione e disponibile in copia anche sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it. È possibile pagare in banca, agli Atm abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con l’internet banking, agli uffici postali, dai tabaccai e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul portale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione oppure con l'app Equiclick tramite la piattaforma pagoPa. Si può pagare anche direttamente agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione prenotando un appuntamento.

Come richiedere copia dei moduli di pagamento

I contribuenti che hanno necessità di recuperare la comunicazione delle somme dovute e i moduli di pagamento, possono scaricarne una copia direttamente nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione oppure riceverla via e-mail inviando una richiesta dall’area pubblica, senza necessità quindi di pin e password, allegando un documento di riconoscimento.