Mercoledì 22 Maggio 2024
Giulia Bergami
Economia

Nutri-Score: i voti dalla A alle E ad alimenti e bevande

E’ il sistema di etichettatura che indica la qualità nutrizionale di un prodotto

Alimenti vari

Alimenti vari

Roma, 4 maggio 2024 – Nutri-Score è un sistema di etichettatura nutrizionale supplementare FOP (Front Of Pack) per il packaging degli alimenti che indica la qualità nutrizionale di un prodotto.  

Implementato per la prima volta in Francia nel 2017, categorizza gli alimenti secondo una scala nutrizionale divisa in 5 colori: dal verde scuro all’arancione scuro, affiancate rispettivamente dalle lettere dalla A alla E, per ottimizzare al meglio la comprensione dell’etichetta. I prodotti etichettati con la lettera A su sfondo verde scuro, sono quelli che hanno una qualità nutrizionale più alta, all’opposto quelli con la lettera E sullo sfondo arancione scuro.

Il calcolo del Nutri-Score 

Per assegnare il colore e la lettera, viene effettuato un calcolo attribuendo ad ogni alimento o bevanda un punteggio FSAm-NPS.
Tale valore è ottenuto sommando i punti (da 0 a 5) assegnati per il contenuto di nutrienti che dovrebbero essere consumati in quantità maggiori, come fibre alimentari (g), proteine (g), frutta, verdura, legumi e noci (%), e sottraendo i punti (da 0 a 10) assegnati per il contenuto di nutrienti che dovrebbero essere limitati, come zuccheri totali (g), acidi grassi saturi (g), sodio (mg) e calorie (kJ).

I marchi che hanno adottato l’etichettatura

Nel giugno 2023, 1.197 aziende erano coinvolte nel sistema Nutri-Score in Francia. Dal 2018, la quota di mercato stimata delle marche coinvolte è aumentata costantemente raggiungendo il 62% del volume di vendite nel 2023.
Diversi Paesi hanno deciso di raccomandare l'etichetta Nutri-Score. Tra questi: Belgio, Svizzera, Germania, Spagna, Paesi Bassi e Lussemburgo.  

Il Nutriform Battery in Italia

L’Italia ha proposto un altro sistema di etichettatura FOP: il Nutrinform Battery, che funziona anche tramite un'applicazione che scannerizza i qrcode degli alimenti per poi fornire mediante un sistema di 5 pittogrammi a forma di batteria, la quota percentuale dell’apporto giornaliero di riferimento di calorie, grassi saturi, grassi totali, zuccheri e sale presenti in una porzione standard dell’alimento considerato, indicando per ciascuno il livello di “riempimento” della batteria stessa. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro