Mercoledì 24 Aprile 2024

Guida autonoma. La sperimentazione va avanti a gran ritmo

Prima concessionaria in Italia a consentire la circolazione di questa tipologia di veicoli, secondo il DM 70 ’smart roads’, Autostrade...

Guida autonoma. La sperimentazione va avanti a gran ritmo

Guida autonoma. La sperimentazione va avanti a gran ritmo

Prima concessionaria in Italia a consentire la circolazione di questa tipologia di veicoli, secondo il DM 70 ’smart roads’, Autostrade per l’Italia affianca in questo percorso il Politecnico di Milano, ateneo che ha recentemente ottenuto l’autorizzazione a questo tipo di test, supportato dall’Osservatorio tecnico di Supporto per le Smart Road e per il Veicolo Connesso e a Guida Automatica del Ministero delle infrastrutture e trasporti.

Le prime prove su strada sono partite a luglio in A26 dove l’auto a guida autonoma ha percorso 20 km, in un tratto dove non erano presenti gallerie. A fine ottobre la sperimentazione è proseguita per altri 30 km, sempre in A26, passando questa volta anche nella galleria Valsesia. Questi test si sono svolti nella massima sicurezza, secondo le prescrizioni previste dalla normativa.

La sperimentazione consentirà a Movyon, centro di eccellenza per la ricerca e l’innovazione di Aspi e leader nei servizi di Intelligent Transport Systems, di individuare le azioni e le tecnologie da poter introdurre lungo la rete autostradale, per aumentare la capacità delle auto di ’leggere’ la strada, viaggiando in sicurezza. In tale ottica, il Gruppo sta dotando alcune tratte autostradali di una tecnologia capace di segnalare in anticipo al veicolo la presenza di ’pericoli’, quali cantieri o code, prima che entrino nel suo nel campo visivo.

Movyon effettuerà ulteriori test a traffico aperto nella galleria Valsesia nei primi mesi del 2024, per verificare l’affidabilità del posizionamento di precisione dell’auto abilitato da antenne distribuite nel tunnel. La Società, infatti, nei mesi scorsi ha avviato la sperimentazione di un sistema che consente al veicolo di comunicare con l’infrastruttura, al fine di mantenere lo stesso livello di guida autonoma, anche in assenza del segnale satellitare (come nel caso di una galleria).

Il Gruppo Autostrade per l’Italia prosegue così il suo percorso per la sperimentazione e lo sviluppo di soluzioni innovative a supporto dei veicoli a guida autonoma, con l’integrazione di tecnologie avanzate e l’utilizzo dei dispositivi di comunicazione già installati lungo la rete. nell’ambito del più ampio ’Programma Mercury’, piano dedicato all’innovazione e che vede impegnate tutte le società del Gruppo Aspi.

"Questa sperimentazione – afferma l’ad di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi – ci proietta verso il futuro e rivoluziona il concetto di guida su strada. Il nostro Gruppo sta testando le soluzioni che permetteranno ai veicoli a guida autonoma di ‘leggere’ in anticipo gli eventi, grazie ai dati trasmessi dall’infrastruttura".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro