Martedì 25 Giugno 2024

Obiettivo neutralità: le nove città al lavoro

Obiettivo neutralità:  le nove città al lavoro

Obiettivo neutralità: le nove città al lavoro

L’UNIONE EUROPEA ha selezionato le 100 città dei propri Stati membri che fanno parte della Missione 100 Climate neutral and smart cities by 2030. Tra queste vi sono nove città: Bergamo, Bologna, Firenze, Milano, Padova, Parma, Prato, Roma e Torino. Le 100 città selezionate sono ora tenute a elaborare i propri Climate city contract che dovranno includere un piano generale per la neutralità climatica in tutti i settori come l’energia, gli edifici, la gestione dei rifiuti e i trasporti, insieme ai relativi piani di investimento. Questo processo dovrà coinvolgere cittadini, organismi di ricerca e aziende. L’ASviS sta discutendo di un accordo di collaborazione coi sindaci delle nove città per la formazione, il monitoraggio, lo sviluppo degli indicatori, il coinvolgimento della cittadinanza e la eventuale partecipazione congiunta a bandi internazionali, europei e nazionali.

All’evento, nell’Auditorium Enzo Biagi (Sala Borsa, piazza del Nettuno) il 12 maggio tra gli altri, partecipano: Matteo Lepore (foto), sindaco di Bologna, Pierluigi Stefanini, presidente dell’ASviS, Enrico Giovannini, direttore scientifico dell’ASviS, Anna Lisa Boni, assessora ai Fondi europei, Pnrr e Transizione ecologica (Bologna), Gianluca Borghi, assessore Sostenibilità ambientale, energetica e mobilità (Parma), Chiara Foglietta, assessora Transizione Ecologica e Digitale, Innovazione, Mobilità (Torino), Elena Grandi, assessora all’Ambiente e Verde (Milano), Andrea Ragona, assessore all’Ambiente (Padova), Edoardo Zanchini, direttore dell’Ufficio Clima (Roma), Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte. Modera Agnese Pini, direttrice di Qn, il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno e Luce!.

v. b.