Venerdì 17 Maggio 2024

Cotonificio Albini investe sui suoi primi 150 anni

NEL 2026 FESTEGGERÀ l’ambito traguardo dei 150 anni di attività, ma con lo sguardo rivolto costantemente al futuro e non...

NEL 2026 FESTEGGERÀ l’ambito traguardo dei 150 anni di attività, ma con lo sguardo rivolto costantemente al futuro e non certo ai gloriosi trascorsi: parliamo del cotonificio Albini, fondato ad Albino, nella Bergamasca, nel 1876 e divenuto negli anni Albini Group, realtà industriale consolidata e articolata in diversi marchi. Il gruppo, attivo nella produzione di tessuti in fibre naturali di alta qualità per camiceria e abbigliamento di lusso, ha ottenuto, nelle scorse settimane, un finanziamento per complessivi 15 milioni di euro.

L’operazione è stata sottoscritta da un pool di finanziatori. Il round consentirà di sostenere il piano di investimenti futuri dell’azienda bergamasca, che prevede numerosi interventi per il miglioramento del processo produttivo e l’innovazione, in particolare negli stabilimenti di Albino (Bergamo) e Brebbia (Varese). Crescerà la produzione ‘made in Italy’ e saranno migliorati i parametri in tema di sostenibilità e innovazione, anche grazie al contributo di ‘Albini_next’, l’innovation hub del gruppo, creato nel 2019. Dedicato all’accelerazione di idee e al trasferimento tecnologico fra scienza e industria, Albini_next è il polo aziendale specializzato nella progettazione e realizzazione di prodotti e processi nuovi, nonché nella ricerca di soluzioni inedite a problemi specifici dell’ambito tessile. Non solo: l’hub collabora con enti universitari e startup per dar vita a innovazioni implementabili in un business industriale. Dotato di 6 stabilimenti (di cui quattro in Italia) e 540 dipendenti – che diventano circa 1.200 se si considera la società nel suo complesso – il gruppo Albini ha chiuso un fatturato di circa 178 milioni di euro nel 2023, per il 73% ottenuto all’estero. I suoi primi mercati sono Francia, Italia e Stati Uniti, cui segue la Germania. È il primo produttore europeo di tessuti per camicie. "La buona riuscita dell’operazione di finanziamento è il risultato di un lavoro di squadra, svolto insieme a Banca Finint e al pool di investitori che hanno sposato appieno la nostra visione, orientata allo sviluppo sostenibile e all’innovazione nel territorio", ha sottolineato Stefano Albini, presidente ed esponente, assieme a Fabio e Andrea Albini, della quinta generazione alla guida del gruppo. "Potremo così sostenere e implementare i nostri piani di investimento, consolidando la nostra presenza sul territorio e proiettandoci con fiducia verso il 150° anniversario della nostra storica azienda".

A proposito di investimenti nell’innovazione, è recentemente finito sotto i riflettori il progetto pilota denominato ‘Exteria’, messo a punto da Albini_next in collaborazione con Kering Mil (Material innovation lab, programma sviluppato dal colosso francese del lusso per supportare le aziende della moda nell’adozione di percorsi sostenibili) e con l’azienda Colorifix, specializzata in biotecnologie.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro