Il patron di Tesla Elon Musk (in foto) ha dato il via libera all’aquisto delle sue auto elettriche, utilizzando direttamente i bitcoin. L’annuncio, avvenuto su Twitter, ha dato una forte spinta alla criptovaluta che è tornata a correre dopo la frenata degli ultimi giorni. Attualmente la moneta digitale è scambiata...

Il patron di Tesla Elon Musk (in foto) ha dato il via libera all’aquisto delle sue auto elettriche, utilizzando direttamente i bitcoin. L’annuncio, avvenuto su Twitter, ha dato una forte spinta alla criptovaluta che è tornata a correre dopo la frenata degli ultimi giorni. Attualmente la moneta digitale è scambiata a 57 mila dollari, sotto i record delle scorse settimane ma con un recupero del 5% rispetto a due giorni fa quando era scivolata sotto i 54 mila.

La nuova trovata del patron di Tesla è solo l’ultimo di una serie di endorsement alla criptovaluta, che negli ultimi 12 mesi ha guadagnato il 750%, toccando la capitalizzazione di mercato di 1.060 miliardi di dollari. Gli analisti al momento fanno coro unanime: la corsa non si fermerà. Non solo perché i bitcoin continuano ad attrarre piccoli e grandi investitori, promettendo loro lauti compensi. Ma ciò che sembra farsi strada con più insistenza in questi mesi è la possibilità che la criptovaluta riesca ad affermarsi proprio come strumento di pagamento per l’acquisto di beni e servizi.

Tesla quindi starebbe facendo, per molti, da apripista. Accettare bitcoin invece che dollari per l’acquisto di auto è un segnale forte per gli analisti, destinato a essere seguito da altre aziende. Sul sito dell’azienda di Elon Musk la pagina di acquisto delle auto è già stata modificata, inserendo la possibilità nella sezione ’compra’ di finalizzare l’acquisto pagando in bitcoin. Musk ha specificato che nessun bitcoin incassato sarà convertito in moneta. Un altro segnale forte nei confronti delle monete garantite dalle autorità centrali.