Lunedì 24 Giugno 2024

Morto Franco Rosso, il re dei viaggi organizzati. Un pioniere innamorato dell’Africa

Aveva 94 anni e viveva a Lugano. Santanchè: a lui il turismo deve davvero tanto

Franco Rosso è morto a 94 anni

Franco Rosso è morto a 94 anni

Roma, 28 marzo 2023 – Franco Rosso, il signore dei viaggi, fondatore dell’omonimo gruppo italiano Francorosso, è morto. Fondatore dell’omonimo gruppo italiano Francorosso, aveva 94 anni e viveva a Lugano. Sono stati i figli Sara, Paolo e Alessandro a dare la notizia della scomparsa.

“Addio al re del turismo”

“Addio a Franco Rosso, l’uomo a cui dobbiamo l’invenzione dei viaggi organizzati, definito “re del turismo” che tanto ha dato al comparto e all’Italia”, ha scritto in tweet la ministra del turismo Daniela Santanchè.

Approfondisci:

Morto Franco Rosso, il re dei viaggi organizzati. Un pioniere innamorato dell’Africa

Morto Franco Rosso, il re dei viaggi organizzati. Un pioniere innamorato dell’Africa
Approfondisci:

Morto Franco Rosso, il re dei viaggi organizzati. Un pioniere innamorato dell’Africa

Morto Franco Rosso, il re dei viaggi organizzati. Un pioniere innamorato dell’Africa

L’amore per l'Africa

Franco Rosso si era innamorato dell’Africa che aveva sognato fin da piccolo grazie ai racconti del padre che lì aveva lavorato come capocantiere. E, grazie a lui, tanti italiani - in uno dei “grandi viaggi della vita” - l’hanno conosciuta e visitata. Ma non solo Africa, visto che dal primo ufficio turistico aperto a Torino ha creato un impero di viaggi organizzati e ha scritto la storia di questo settore.

La storia di Franco Rosso

Era il 1953 quando  Rosso fondò il suo primo ufficio a Torino con proposte per l’epoca “futuristiche”: i viaggi in Europa e il primo catalogo di crociere. Da qui la crescita negli anni del boom economico fino alla grande novità proposta al pubblico italiano negli anni ‘70: i viaggi in Africa e i safari in Kenya. Verso Nairobi è proprio il signor Rosso - come lo chiamavano i suoi dipendenti - che organizza il primo volo charter dall’Italia. E lui stesso non si separa più dalla magia del continente nero, tanto da passarci fino a 6 mesi l’anno, fino a tarda età.

I safari in Kenya

“Tutti consideravano il Kenya solo per i safari - aveva detto in un’intervista a MalindiKenya.net, portale degli italiani in Kenya - ma io ero convinto che la costa avesse grandi potenzialità: il clima favoloso, la natura vergine, la gente cordiale, la differenza minima di fuso orario che la faceva preferire alle mete caraibiche. I voli charter avrebbero avvicinato ancor di più l’Europa alle belle spiagge e ai mari caldi, soprattutto nei mesi invernali. In Kenya mancavano solo le infrastrutture… e non era poco”.

La cessione ad Alpitour

Negli anni ‘90 arriva la cessione del ramo viaggi ad Alpitour ma continua a coltivare la sua passione per il settore seguendo dal lago di Lugano, assieme alla famiglia, la catena alberghiera Planhotel Group Resorts, società con 13 strutture nel mondo, di cui 7 di proprietà.