Le Borse puntano su titoli hi-tech e paesi emergenti

DOPO un 2023 positivo per le Borse, che anno ci aspetta sul fronte dell’investimento azionario? "È probabile che i mercati...

Le Borse puntano su titoli hi-tech e paesi emergenti
Le Borse puntano su titoli hi-tech e paesi emergenti

DOPO un 2023 positivo per le Borse, che anno ci aspetta sul fronte dell’investimento azionario? "È probabile che i mercati azionari globali restino in difficoltà nel corso del 2024, quando il mondo passerà a un regime di inflazione e tassi di interesse tendenziali più elevati – risponde Justin Thomson (nella foto a sinistra), Head of International Equity e Cio di T. Rowe Price –. Questa transizione potrebbe generare cambiamenti nelle aspettative di crescita degli utili, innescando la volatilità. Sarà necessario quindi prestare molta attenzione alla gestione del rischio". La performance azionaria globale nel 2023 è stata guidata prevalentemente dai cosiddetti “Magnifici Sette“, titoli tecnologici statunitensi a grande capitalizzazione, spinti dalla performance degli utili superiore alla media e dalle crescenti aspettative per le applicazioni dell’IA. Fino a novembre, i titoli dei Magnifici Sette sono cresciuti collettivamente di oltre il 70%. I restanti 493 titoli dello S&P 500, invece, sono saliti meno del 9,5%.

"Le valutazioni elevate, prodotte dalla loro forte performance, rendono i giganti tecnologici statunitensi vulnerabili alla "mean reversion", ossia la tendenza storica a far seguire a periodi di performance superiori alla media rendimenti inferiori – aggiunge Thomson –. Di conseguenza, riteniamo che la leadership delle mega-cap tecnologiche sia destinata a svanire nel 2024 con l’ampliarsi del set di opportunità".

Ma quali sono le opportunità d’investimento azionario nelle diverse aree geografiche?

"Continuiamo a preferire i titoli azionari dei Paesi emergenti rispetto a quelli sviluppati, in quanto le valutazioni relativamente interessanti, il potenziale di rialzo degli utili e la possibilità di stimoli fiscali e monetari incrementali sono generalmente più favorevoli agli emergenti. All’interno dei mercati sviluppati, le prospettive a breve termine per le azioni europee appaiono meno interessanti sia rispetto agli altri mercati sviluppati sia agli emergenti. Le azioni giapponesi sembrano interessanti, mentre le prospettive di crescita per la Cina sono meno positive, poiché gli sforzi per stimolare la domanda sono stati finora inefficaci".

Quali sono i settori da tenere sott’occhio?

"Riteniamo che l’intelligenza artificiale abbia il potenziale per aumentare la produttività in un’ampia gamma di settori e aziende. Tra le opportunità interessanti, potrebbero esserci le aziende di semiconduttori che sviluppano chip all’avanguardia, le società di servizi tecnologici che aiutano le aziende a scalare e migliorare le loro capacità di AI, e i data center che beneficiano dell’aumento della domanda. Anche l’innovazione nel settore della Salute potrebbe generare significative opportunità azionarie nel 2024, mentre i titoli legati all’energia e alle materie prime potrebbero rivelarsi coperture interessanti nel 2024".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro