Dagli asili nido allo psicologo, tutti i bonus del 2024

Le novità del Fisco anche per superbonus, giovani e trasporti

Roma, 4 gennaio 2024 – Ecco le novità del Fisco e i bonus che resteranno nel 2024.

Asili nido

Per il 2024 aumenta il bonus asilo nido per famiglie con almeno un figlio nato dopo il 1° gennaio, a condizione che ci sia almeno un altro figlio sotto i 10 anni e l’Isee della famiglia non superi i 40mila euro. Con l’aumento il bonus arriva fino a un massimo di 3.600 euro l’anno

Approfondisci:

Il viceministro Leo: “Parte il nuovo Fisco. Più soldi in busta paga e sanzioni meno pesanti”

Il viceministro Leo: “Parte il nuovo Fisco. Più soldi in busta paga e sanzioni meno pesanti”

Bonus bebè (neonato)

La rivalutazione per l'inflazione porta l'assegno unico per i figli nel 2024 a un massimo vicino ai 200 euro, mentre la quota minima supererà i 57 euro al mese. L'adeguamento varrà per tutte le mensilità dell'anno.

Gli effetti del taglio del cuneo e della riforma Irpef
Gli effetti del taglio del cuneo e della riforma Irpef

Mamme lavoratrici

Parte la decontribuzione per le mamme lavoratrici con tre o più figli e con rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. Previsto un esonero del 100% della quota dei contributi fino al mese di compimento del diciottesimo anno di età del figlio più piccolo, nel limite massimo di 3mila euro l’anno. Per le lavoratrici con due figli, il bonus è previsto solo per un anno.

Social card (carta di credito)

Confermata anche la carta ‘Dedicata a te’ per l’acquisto dei beni alimentari di prima necessità. Per il 2024 si prevede uno stanziamento di 600 milioni di euro, 100 milioni in più rispetto al 2023, per la card destinata a chi ha un Isee pari o inferiore a 15 mila euro

Superbonus 70% (casa)

La misura più discussa è stata confermata solo al 70%. Per chi ha avviato i lavori nel 2022 resta la possibilità di cedere il credito o avere lo sconto in fattura, ma per coprire i costi dell’intervento i condomini dovranno versare una differenza di almeno il 30%, o concordare con l’impresa una riduzione dei lavori

Sismabonus (casa con crepe o scossa o simile)

Prorogato per tutto il 2024: è possibile beneficiare di una detrazione del 50% per una spesa massima di 96mila euro per unità immobiliare. La detrazione sale al 70 o all’80% se a seguito dei lavori si ottiene una riduzione del rischio sismico di una o due classi

Mutui under 36

Per le agevolazioni sui mutui prima casa per i giovani nella manovra è previsto uno stanziamento di 282 milioni. Per beneficiare delle agevolazioni è necessario soddisfare determinati requisiti. Innanzitutto, è richiesto un Isee inferiore a 40mila euro annui. Inoltre l’immobile da acquistare non deve superare il valore di 250.000 euro

Mobili

Confermata la possibilità di usufruire della detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e alcune tipologie di elettrodomestici. Ma la soglia di spesa massima sarà tagliata da 8mila a 5mila euro. La detrazione massima ottenibile passerà quindi da 4mila a 2.500 euro.

Caldaie

Resta la detrazione del 50% per spese fino a 60mila euro per la sostituzione di serramenti e infissi, oltre a schermature solari o caldaie a biomassa. Per i condomini, è previsto uno sgravio del 70% per l’isolamento termico delle parti comuni opache con incidenza superiore al 25%, con un limite massimo di spesa di 40mila euro

Barriere architettoniche

Prorogato il bonus per l'adeguamento edilizio a misura di disabilità, ma limitando l'agevolazione al 75% solo a una serie di interventi specifici come l'installazione e la modifica di scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici. Esclusi quelli riguardanti l'automazione di porte automatiche, tapparelle e saracinesche motorizzate, imposte e persiane automatiche

Trasporti (autobus)

Il bonus trasporti da 60 euro, destinato all’acquisto di abbonamenti ai mezzi pubblici e per il trasporto ferroviario, nel 2024 è stato confermato solo per i possessori della social card «Dedicata a te» con un Isee fino a 15mila euro

Ricarica auto elettrica

Nel 2024 rimane in vigore anche il bonus colonnine di ricarica. Il contributo è pari all’80% del prezzo di acquisto e posa delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici. Il limite massimo del contributo è di 1.500 euro per gli utenti privati e fino a 8mila euro per l'installazione nelle parti comuni degli edifici condominiali

Incentivi rottamazione

Varati i nuovi incentivi per rinnovare il parco auto italiano, il più vecchio (e inquinante) d’Europa: si potranno avere fino a 13.750 euro per chi rottama e passa all'elettrico. Bonus calcolati in base all’Isee per favorire i redditi più bassi

Psicologo

Confermato anche il bonus psicologo con un raddoppio della dotazione a 5 milioni di euro. Il bonus passa da 600 euro a un massimo di 1.500 euro. Il requisito principale per l’assegnazione sarà il reddito: non si potrà avere un Isee superiore ai 50mila euro.

Carta Cultura (libro) e Carta Merito

Al posto della 18App, debuttano due nuove carte: la Carta cultura giovani, assegnata ai neo-maggiorenni il cui nucleo familiare ha un Isee sotto i 35mila euro, e la Carta merito, destinata a chi ottenuto il voto massimo alla Maturità. Ciascuna ha il valore di 500 euro e sono separate, ma cumulabili fino a un massimo di mille euro nel caso in cui i ragazzi rispettino entrambi i requisiti

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro