Da lunedì 28 giugno tutta l'Italia sarà in zona bianca (Ansa)
Da lunedì 28 giugno tutta l'Italia sarà in zona bianca (Ansa)

Roma, 25 giugno 2021 - Oggi è il giorno che l'Italia attendeva da settimane: il ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza che sanciusce il passaggio in zona bianca della Valle d'Aosta, unica regione rimasta fino ad ora in giallo. La Valle d'Aosta termina oggi il periodo di tre settimane consecutive con il parametro dell'incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti (ad oggi la media mobile è di 10), quindi da lunedì 28 giugno passerà in zona bianca e quindi tutta l'Italia sarà nella fascia con meno restrizioni: un passaggio significativo verso - si spera - la normalità. E da lunedì 28 giugno cadrà anche l'obbligo dell'uso delle mascherine all'aperto (salvo situazioni di assembramento e impossibilità a mantenere le distanze). Fa eccezione però la Campania: il governatore Vincenzo De Luca ha emesso un'ordinanza che impone di continuare a indossarle.

Covid in Italia: il bollettino del 25 giugno

Variante Delta: domande e risposte

Quando iniziano i saldi estivi 2021: il calendario e i consigli

Sommario

Indice Rt stabile a 0.69

Questa settimana l'indice di trasmissibilità Rt è stabile a 0.69, stesso coefficiente di sette giorni fa.

Incidenza incalo a 11 casi

Buone notizie arrivano anche dall'incidenza, il parametro più importante per l'assegnazione nelle fasce colorate. Questa settimana cala ancora a 11 casi ogni 100mila abitanti rispetto ai 17 della scorsa settimana.

Il rischio delle regioni

Nell'ultima settimana di monitoraggio tutte le Regioni sono classificate a rischio basso tranne il Molise, a rischio moderato. Tutte le Regioni hanno un Rt compatibile con uno scenario di tipo uno. E' quanto si legge nella bozza del report settimanale di monitoraggio di ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità.

La variante Delta

L'Iss si occupa anche della variante Delta: "Vengono segnalati anche in Italia focolai di varianti del virus SARS-CoV-2, in particolare della variante delta, che presentano una maggiore trasmissibilità e/o la potenzialità di eludere parzialmente la risposta immunitaria". er qusto l'Iss ritiene "opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi". Ed è necessaria un'alta copertura vaccinale. Dai dati delle ultime settimane emerge come questa mutazione sia in aumento con una percentuale del 16,8%, mentre la più diffusa rimane ancora la variante alfa al 74,92%

Zona bianca: le regole

Coprifuoco. Come sappiamo, il coprifuoco non c'è più.

Visite a parenti e amici. Potremo andare a trovare parenti e amici in un massimo di sei persone oltre i figli minorenni.

Piscine al chiuso. Riaprono.

Bar e ristoranti. All'aperto nessun limite alle tavolate. All'interno allo stesso tavolo al massimo sei persone. Limitazione che non vale nel caso di due nuclei familiari.

Sale giochi e scommesse. Sono aperte.

Cerimonie e banchetti. Possibili in zona bianca i banchetti dopo le cerimonie civili o religiose (matrimoni o cresime per esempio). Ma i partecipanti devono avere il green pass.

Feste. Restano per ora vietate

Discoteche. Per ora vietato ballare in pista. Ma se ne sta discutendo.

Parchi divertimento. In zona bianca riaperti i parchi divertimento e i parchi a tema.