Martedì 16 Aprile 2024

Allerta terrorismo in Italia, quali sono i rischi: stretta sulla Pasqua

L’analisi del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano. Nelle prossime ore si riunisce il Comitato per la sicurezza. I numeri degli obiettivi sensibili

Allerta terrorismo in Italia: obiettivi sensibili e arresti

Allerta terrorismo in Italia: obiettivi sensibili e arresti

Roma, 24 marzo 2024 – Rischio di attacchi terroristici in Italia: dopo il gravissimo attentato a Mosca e con l’avvicinarsi della Pasqua, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano, circoscrive il pericolo a due elementi precisi. Nel nostro Paese “la minaccia non è tanto quella di gruppi organizzati, credo che un gruppo” come quello che ha agito nell’attentato in Russia, “il quale non può non aver avuto una preparazione e dei supporti logistici, in Italia verrebbe intercettato prima”. L’insidia concreta è invece l’autoattivazione di lupi solitari “come capitato in altri stati Europei” ed “il fronte della minaccia più preoccupante è il reclutamento online, per il quale da anni avviene un contrasto anticipato”.

Approfondisci:

Parigi, preside minacciato di morte per il velo si dimette: aveva chiesto a una studentessa di toglierlo

Parigi, preside minacciato di morte per il velo si dimette: aveva chiesto a una studentessa di toglierlo
Allerta terrorismo in Italia: obiettivi sensibili e arresti
Allerta terrorismo in Italia: obiettivi sensibili e arresti

Comitato nazionale per la sicurezza pubblica

Un confronto dei vertici italiani delle forze dell’ordine dopo i gravi fatti di venerdì scorso al Crocus City Hall, come già accade sistematicamente, si è reso a questo punto ancor più necessario: nelle prossime ore al Viminale verrà convocato il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. All’ordine del giorno, un’analisi della situazione dopo il sanguinario attacco a Mosca.

“L’Italia ha sempre mantenuto costante l’attenzione verso la minaccia terroristica, su più fronti - spiega Mantovano - così come periodicamente a distanza ravvicinata, da 15 anni, si riunisce il comitato che raccoglie i vertici delle forze di polizia e di intelligence e punta a fare la prima cosa principale forse mancata anche a Mosca, cioè mandare in circolo le informazioni".

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

La mappa degli obiettivi sensibili

Il sistema preventivo di monitoraggio sta lavorando a pieno regime, mantenendo l’obiettivo focalizzato sul fronte dell’estremismo e della radicalizzazione. Del resto già dal 7 ottobre - il giorno degli attentati di Hamas in Israele - oltre al rafforzamento di tutti i dispositivi di osservazione e controllo, era stata disposta una ricognizione degli obiettivi sensibili in Italia, che sono oltre 28mila, di cui 205 riconducibili ad Israele, in prevalenza sedi diplomatiche o centri religiosi. Ed è proprio su questi luoghi che le forze dell’ordine si stanno concentrando, dai posti di preghiera, in particolare sinagoghe, alle ambasciate e hub principali dei trasporti come stazioni e aeroporti.

Il controllo delle piazze digitali

In settimana si era già riunito il comitato nazionale per decidere le misure in vista della settimana santa e delle festività di Pasqua. In quella sede il ministro Piantedosi aveva già evidenziato la necessità di mantenere alta l’attenzione proprio in occasione delle festività, dove in effetti sono previsti particolari affollamenti in diversi luoghi e città turistiche. Resta il controllo delle ‘piazze digitali’. Gran parte dei soggetti radicalizzati e presenti in Italia sono stati individuati proprio perché seguivano la propaganda online.

Arresti ed espulsioni: i numeri

Complessivamente dal 2023 sono state arrestate 26 persone con l’accusa di terrorismo internazionale. Grazie alle stesse attività di contrasto sono stati espulsi 95 soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza, 45 dei quali proprio dal 7 ottobre scorso.