Giovedì 20 Giugno 2024

Stop alle ricette via mail, no dei medici

Lo scontro politico, dalla manovra si allarga al decreto Milleproroghe e alle ricette dematerializzate, ovvero inviate via mail o sms. A fine anno, infatti, scadrà questa possibilità, in origine legata all’emergenza Covid. Immediata la richiesta di una proroga da parte dei medici al ministro Schillaci che sembra aver già trovato un positivo riscontro. "Abbiamo interpellato sul provvedimento la segreteria del ministro, facendo presente la scadenza, e ci aspettiamo una risposta positiva su una eventuale proroga" ha detto il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, che sul giudizio è tranchant: "Tornare indietro adesso sarebbe una follia".

"Sappiamo che il tema è sul tavolo e siamo sicuri che il ministro mostrerà attenzione verso l’argomento", annuncia Silvestro Scotti segretario nazionale dei medici di medicina generale.

Il ritorno alla ricetta cartacea così come era prima dell’emergenza Covid, per Pina Onotri, segretaria Generale del Sindacato Medici italiani (Smi), "rappresenterebbe un salto indietro, causando lunghe attese negli studi medici. La soluzione temporanea che auspichiamo è quella di una proroga di almeno un anno".